Oggi Banca Sistema ha approvato il piano strategico 2021-2023.

Per il triennio 2021-2023 la Banca svilupperà ulteriormente la propria posizione nei business in cui opera grazie ad uno scenario macroeconomico favorevole caratterizzato dal bisogno di liquidità delle famiglie, dal forte incremento della spesa pubblica, anche a seguito delle conseguenze economiche provocate dalla pandemia ancora in corso, e dalle accresciute esigenze di credito delle medie imprese.

In particolare, per il settore del factoring, la crescita prevista sarà frutto anche della stabilità del ritardo dei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione italiana, seppur inferiori rispetto al passato, e dello scenario favorevole alla cessione di crediti fiscali. Dall’altro lato, la sempre crescente necessità di liquidità delle famiglie, che spesso dispongono di asset illiquidi, e la loro elevata esposizione debitoria verso il sistema bancario, sono elementi favorevoli alla crescita della cessione del quinto e del credito su pegno. Nel business del pegno, quest’anno la Banca porterà a regime gli effetti derivanti dall’acquisizione del ramo d’azienda finalizzato nella seconda metà del 2020.

Il business del Factoring si consolida
Il Piano prevede una crescita degli impieghi del factoring a doppia cifra (CAGR 2020-2023: +20%), con un target al 2023 di 2,6 miliardi, e una crescita dei volumi annui (CAGR 2020-2023: +16%), il cui target al 2023 è di 4,8 miliardi. Tale crescita sarà supportata anche dalle seguenti nuove iniziative:

  • Crescita su mercato spagnolo attraverso la Joint Venture;
  • Offerta di alcuni prodotti prosoluto a clienti stranieri;
  • Focus su debitori privati, ma con basso assorbimento di capitale;
  • Maggior supporto ai clienti per la partecipazione a gare pubbliche;
  • Rafforzamento del canale indiretto (agenti/intermediari/banche);
  • Potenziamento del Servicing.La crescita degli impieghi al terzo anno di Piano porterà l’Income margin del factoring in un intorno del 5%.Il business della Cessione del quinto si evolve
    L’evoluzione dalla posizione attuale nel business della CQ prevede azioni mirate che porteranno gli impieghi a fine 2023 a 1.260 milioni, con una crescita composta annua rispetto al 2020 pari a +11% grazie ad alcune specifiche azioni messe in atto tra le quali:
  • Ulteriore sviluppo del prodotto diretto sia su agenti che mediatori creditizi;
  • Rafforzamento ed efficientamento del canale di origination diretto/outbound;
  • Trading di portafogli, come già fatto nel 2020.Alla crescita degli impieghi in arco Piano corrisponderà un aumento dell’Income margin2 che al 2023 si attesterà al 3,1%.Il business del Credito su Pegno prende il volo
    L’importanza che Banca Sistema ha conquistato nel business del credito su pegno permetterà al Gruppo (tramite la sua controllata ProntoPegno SpA) di prendere il volo e di raggiungere al terzo anno del Piano quasi 150 milioni di impieghi (corrispondenti ad un CAGR 2020-2023: del +23%). Tale crescita sarà guidata, oltre che dal consolidamento del ramo acquisito nel 2020 da Intesa Sanpaolo, dalle iniziative che prevedono…

    leggi di più del piano industriale qui