7 Luglio 2023

La Calda Estate dei Mutui Variabili, Banche e Clienti davanti a 3 Vie per Arginare i Tassi

di Giuseppe Gaetano, editor in chief

Non è detto che a ogni cliente convenga l’allungamento della scadenza dei sempre meno mutui ancora in essere a tasso variabile (di cui alcuni con cap valido 10-20 anni, e spread più elevato).

Tuttavia da tempo diversi istituti di credito – da Banco Desio a BPM a Unicredit (che consente anche di sospendere per un anno il rimborso della quota capitale) – stanno applicando questa sorta di “spalma-mutuo” in aggiunta a rinegoziazioni e surroghe, valide anche per tassi misti, incluse quelle obbligatorie delineate dalla legge 197/2002. Operazioni che, in media, consentono ai clienti di risparmiare una sessantina di euro al mese. Queste due vie battute finora, rinegoziazioni e surroghe, non stanno andando granché bene: nei primi tre mesi del 2023 sono cresciuti gli esposti all’Arbitro Bancario Finanziario sulle richieste di rinegoziazione dei tassi variabili (123 dai 94 dell’intero 2022); mentre le surroghe, in base ai dati Assofin, rappresentano appena il 7% del totale del mercato immobiliare nonostante il 30% di richieste registrato nel primo semestre da MutuiOnline. Qui il problema è che, mentre l’indice Euribor si dirige verso il 4%, gli stipendi sono rimasti fermi: questo ha innalzato matematicamente l’asticella del rapporto rata/reddito, che dev’essere pari a 1/3 per concedere la surroga.

Secondo una elaborazione di Sky su quotazioni Eurirs, con un budget di 700 euro al mese a inizio 2022 ci si poteva permettere un prestito di 190mila euro per l’acquisto della casa, mentre a giugno 2023 la cifra è scesa a 150mila. Inoltre, sebbene le sofferenze restino ancora contenute, “nei primi tre mesi di quest’anno – ha detto il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, in occasione della recente assemblea ABI – l’incidenza del flusso di prestiti che presentano ritardi nei pagamenti, anche se non ancora tali da richiedere una classificazione come deteriorati, è raddoppiata all’1,6% del complesso dei finanziamenti in bonis in ragione d’anno” ed è quindi necessario “assicurare un adeguato livello di copertura, soprattutto per le banche meno significative”. A questo si aggiunge pure la legge sull’equo compenso, che ha già aumentato il costo delle spese notarili. Da qui l’opportunità, caldeggiata dal presidente dei bancari Antonio Patuelli, di ripianificare l’ammortamento prolungando il finanziamento anche oltre 5 anni se l’età anagrafica del contraente lo consente. Tra gli ultimi, dunque, ad aderire a questa terza via – la rimodulazione dell’importo mensile delle rate in base alla durata – c’è Intesa Sanpaolo.

Per il presidente Gian Maria Gros-Pietro non c’è bisogno di definire un protocollo unitario con l’esecutivo perché le banche già “hanno il potere di farlo, nell’ambito delle regole esistenti che nemmeno il governo può cambiare: se un prestito viene ristrutturato e la variazione supera l’1% è considerato deteriorato – ha dichiarato -, allungarlo così che la stessa cifra sia ripartita in un numero maggiore di anni è utile” sia ai consumatori che agli istituti, obbligati altrimenti a classificare pagamenti in ritardo di oltre 3 mesi come Npl secondo le norme EBA. In realtà una soluzione in questo senso ci sarebbe ed è l’opzione di flessibilità, inseribile tra le clausole del contratto, che permette di rinviare le rate secondo modi e tempi concordati con la stessa banca. La percentuale di variabili, comunque, è destinata sia pur lentamente ad assottigliarsi ancora: sempre per MutuiOnline, nel secondo trimestre l’82% è stato siglato con l’ormai più economico fisso. Visto che i 25 punti base di rialzo che la Bce applicherà al costo del denaro, nella prossima riunione del 27 luglio, faranno toccare ai tassi di interesse il record dell’Eurozona del luglio 2008 , la “quarta via” – per i mutuatari che hanno risparmi da parte – è ridurre il debito residuo o, se non è elevato, estinguerlo del tutto in anticipo.

Il Costo del Credito Frena ma non Ferma i Prestiti al Settore Privato

(Visited 180 times, 2 visits today)
Navigazione fra articoli