PLTV riporta articolo da Il Sole 24 Ore a cura di Gianfranco Ursino
Siglata la convenzione con Crédit Agricole Italia.
In arrivo anche l’accordo con CaRi Ravenna e le realtà locali delle Bcc. 

Con la firma della convenzione con Crédit Agricole Italia diventa operativo il Fondo di Garanzia (Fdg) istituito da Euroansa per facilitare la concessione del mutuo per l’acquisto della casa. A inizio anno la primaria società di mediazione creditizia aveva annunciato la costituzione del Fdg con una dotazione di 2 milioni di euro, della durata di cinque anni, a copertura delle eventuali morosità sui crediti derivanti da pratiche di sua intermediazione.

Lo scoppio della pandemia ha poi impedito ad Euroansa di procedere con gli accordi commerciali. «Adesso siamo partiti con Crédit Agricole Italia – spiega Ansano Cecchini, fondatore e Ad di Euroansansa (nella foto) -, ma l’iter è avviato con altre banche: dalla Cassa di Risparmio di Ravenna al circuito delle Banche del Credito Cooperativo».

A fine agosto Euroansa ha stretto una partnership con il gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, che offre la possibilità di chiudere accordi con le singole 136 Bcc del gruppo disseminate su tutto il territorio nazionale per consentire ai clienti di godere di particolari agevolazioni nella stipula di mutui.

«Abbiamo accolto con favore questa iniziativa innovativa di Euroansa – commenta Massimo Sirna, responsabile area mutui di Crédit Agricole Italia -. Si tratta di un ulteriore supporto per la valutazione da parte delle banche e ci fa piacere che abbiano pensato al nostro istituto anche per affidare il deposito dell’intero ammontare della garanzia per tutto il settore».

«Con questo strumento – continua Cecchini – garantiamo alla banca erogatrice la copertura delle eventuali rate scoperte dei mutuatari nell’arco dei primi 24 mesi dalla data di stipula del finanziamento. Tenuto conto che il fondo pubblico nazionale gestito da Consap è stato finanziato per il 2020 con 10 milioni di euro, la dotazione del Fdg Euroansa di 2 milioni di euro è di assoluta rilevanza». Rispetto al fondo di iniziativa statale gestito da Consap, l’iniziativa privata di Euroansa è rivolta a tutti e non solo a determinate categorie di soggetti. Va ricordato infatti che con la recente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n.126 del 13 ottobre 2020 di conversione del cosiddetto “Decreto Agosto”, la garanzia statale del Fondo Consap è stata riservata esclusivamente a determinate categorie di soggetti: giovani coppie e single con figli minori, under 35 con lavoro atipico e conduttori di case popolari. Tutti soggetti che vogliono acquistare la loro prima casa ma non hanno sufficienti garanzie per riuscire ad avere autonomamente un mutuo dalla loro banca.

In questo contesto storico, quindi, l’iniziativa privata di Euroansa, va nella direzione di sopperire in qualche misura al venir meno della garanzia pubblica, almeno per le famiglie che non rientrano nella categoria di soggetti definiti “prioritari” sopra elencati. «Mai come oggi è importante e conveniente comprare casa, anche per una semplice ragione: l’acquisto della casa equivale a costituirsi una forma di previdenza integrativa. Chi è proprietario della propria abitazione quando andrà in pensione sarà senz’altro agevolato dal non dover pagare un affitto, nel momento in cui dovrà fare a meno anche del 50% delle entrate a cui era abituato. Quando andremo in pensione percepiremo un assegno mensile che difficilmente sarà superiore alla metà dell’ultimo stipendio percepito. Per coloro che vivono in affitto questo problema sarà più difficile da affrontare, con il rischio di vederli ricadere sulle spalle della società.

E con lo Stato sempre più indebitato la situazione non andrà di certo a migliorare. Comprare casa, quindi, è il miglior modo per costruirsi una previdenza complementare».