11 Settembre 2023

Prima Assicurazioni, Nuovi Soci e Quotazione in Borsa

di Giuseppe Gaetano, editor in chief

Prima l’ingresso di nuovi investitori nella compagine azionaria, quindi la possibile quotazione in Borsa: è l’uno-due che attenderebbe a breve Prima Assicurazione: Mga col 95% dei ricavi derivante dal ramo motori, a 4 e 2 ruote.

Il Sole24Ore ha confermato in questi giorni le indiscrezioni già avanzate da MF a metà luglio, riguardo l’apertura di una quota di minoranza del capitale sociale della compagnia/agenzia (corrispondente a circa il 10% delle partecipazioni) ad altri operatori finanziari e industriali specializzati, aggiungendo che – a seguito del buon esito del collocamento della tranche, con cui i maggiori azionisti Blackstone e Goldman Sachs (più Carlyle col 2%) mirano a incassare liquidi fino a 250 milioni di euro – potrebbero spalancarsi le porte di Piazza Affari. L’advisor dell’operazione è Jp Morgan. Il distributore insurtech, che opera sia online sia tramite una rete fisica di un migliaio di broker e agenti sul territorio, è cresciuto negli ultimi anni (2,5 milioni di clienti dalla fondazione nel 2015 e 660 milioni di premi RCA raccolti nel 2022 (+32% annuo) tanto da entrare l’anno scorso nella Top10 italiana della classifica premi.

Adesso vuole allargare il proprio business alla protezione della casa e lanciare l’intero pacchetto di prodotti a livello internazionale (l’anno scorso l’inaugurazione delle sedi in UK e Spagna), stimando che entro il 2027 il 25% delle polizze sarà prodotto fuori dai confini tricolori. Internazionali anche le ultime nomine, a maggio e giugno, di Matthew Donaldson a presidente del CdA e Anuj Pradhan a Chief Product Officer; sempre nell’ottica di espansione trasversale europea. Il Country Manager Italia – dove ad oggi macina quasi tutto il giro d’affari – è Andrea Balestrino, già direttore commerciale della rete Intermediari, il canale offline arrivato a vendere 1/3 delle polizze gestite dalla scale up. In linea con la sua natura tech e data-driven 300 dipendenti in pianta organico sono sviluppatori, ingegneri e data scientist al lavoro su algoritmi e software proprietari che, tramite un approccio analitico, semplifichino al massimo la parte operations e il pricing model delle pratiche automatizzandoli.

Negli ultimi 3 anni ha investito 20 mln in OpenAI, machine learning e altri upgrade digitali di frontiera: sviluppi che hanno consentito, tra l’altro, di affrontare la crescente mole di sinistri senza dover aumentare il personale. “Una tariffa più profilata sulla reale rischiosità del cliente – ha detto il CEO George Ottathycal a Wired, prima dell’estate – permette di premiare gli automobilisti virtuosi con prezzi competitivi” sul mercato. Non è il primo round di finanziamento societario quello che si riprospetta a breve: “Sui nuovi mercati non si può pensare di essere subito profittevoli e generare cassa” e per coprire la spinta sulle piazze straniere la profittabilità dell’Italia non basta. Incassate le risorse, allora forse si potrà provare ad avverare anche il sogno dell’Ipo. Ultimamente Prima schiaccia anche il pedale delle campagne adv: a settembre ha aperto i canali social ufficiali su Instagram e Facebook e al momento è on air su radio e tv nazionali con uno spot promozionale della copertura Rc auto.

(Visited 900 times, 6 visits today)
Navigazione fra articoli