Sono stati presentati al Consiglio di Amministrazione di Cassa Centrale Banca i dati preconsuntivi 2021 che confermano la capacità del Gruppo Cassa Centrale e delle 71 Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali e Raiffeisenkassen di crescere patrimonialmente ed economicamente e di svolgere al meglio il proprio ruolo a sostegno delle comunità.

Il conto economico consolidato 2021 registra una crescita dell’utile netto a Euro 333 milioni (+36%). In crescita anche l’utile netto della Capogruppo, a Euro 46 milioni (+ 28%).

Le commissioni nette si attestano a Euro 717 milioni (+9%), un valore superiore agli obiettivi di budget, nonostante il 2021 sia stato un anno ancora fortemente condizionato dallo scenario Covid-19.

Registra un incremento anche la raccolta complessiva (+9%) che si attesta a Euro 99,8 miliardi.

La componente della raccolta diretta aumenta su base annua di 4,5 miliardi (+7%) e la raccolta indiretta cresce di quasi 4 miliardi (+13%) grazie al significativo contributo del risparmio gestito (+25%) e assicurativo (+15%) che rappresentano il 66% della raccolta indiretta totale.

Fondamentale per questi risultati l’apporto delle due società del Gruppo, NEAM per i fondi comuni di investimento e Assicura per la bancassicurazione. In aumento di Euro 2,6 miliardi i crediti alla clientela che ammontano complessivamente a Euro 48,7 miliardi (+5,6%).

Positiva, infine, la riduzione dell’NPL ratio lordo di Gruppo dal 6,8% del 2020 al 5,5%; inoltre il coverage medio sul credito deteriorato sale al 73,6% rispetto al 66% di inizio anno, l’NPL ratio netto si attesta all’1,5%.

“Anche nel 2021afferma Giorgio Fracalossi, presidente di Cassa Centrale Bancail Gruppo Cassa Centrale ha confermato l’attenzione alle persone e alle comunità di riferimento, in coerenza con la mission e con la funzione sociale proprie della cooperazione mutualistica di credito. Forti dei nostri numeri siamo impegnati nel continuare a svolgere il ruolo di banche di prossimità anche in questa nuova situazione di difficoltà venutasi a creare con il recente scoppio del conflitto in Ucraina. Al popolo ucraino e a tutte le persone coinvolte nel dramma della guerra va il nostro sostegno e la nostra solidarietà umana e insieme concreta, con le diverse iniziative già avviate”.

“I risultati del 2021, – afferma Sandro Bolognesi, amministratore delegato e direttore generale di Cassa Centrale Bancaconfermano l’efficienza e la solidità del nostro Gruppo in un esercizio ancora fortemente condizionato dagli impatti della pandemia. I nostri numeri sono frutto del continuo e prezioso lavoro svolto in questi anni da tutte le persone che lavorano nelle Banche affiliate, nella Capogruppo e nelle Società controllate. Grazie a un CET1 ratio del 22,6% e alla capacità reddituale dimostrata in questo primo triennio intendiamo proseguire in un percorso di crescita autonoma nel medio-lungo periodo, monitorando l’evoluzione del contesto economico mondiale e i riflessi dello scenario di guerra nel cuore dell’Europa”.