Grazie ad una collaborazione avviata con il Ministero dello Sviluppo Economico, adesso Fidimed può erogare anche finanziamenti agevolati alle PMI con l’intervento della “legge Sabatini”.

E’ un’ottima notizia per le imprese che hanno necessità di finanziamenti per investire in attrezzature e tecnologie in questo momento in cui la Bce aumenta i tassi di interesse e, di conseguenza, sul mercato cresce il costo del denaro, che è già arrivato al tasso medio del 2,11% ed è destinato a salire ulteriormente.

Si arricchisce di un ulteriore incentivo, quindi, “Progetto Easy Plus”, l’innovativo finanziamento chirografario rapido gestito in partnership con Banca Progetto, strumento che dalla sua nascita ha visto  supportare oltre 2.000 imprese alle quali sono stati erogati più di 300 milioni di euro al 30 giugno di quest’anno e che nel primo semestre del 2022 ha registrato numeri in crescita.

Da oggi, in pratica, sui finanziamenti “Progetto Easy Plus” è possibile affiancare anche le agevolazioni previste dalla “legge Sabatini”. L’agevolazione consiste in un contributo sugli interessi, del 2,75% per investimenti ordinari, del 3,575% per investimenti in tecnologie digitali, sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti e, in alcuni casi previsti da “Industria 4.0”, è concessa una maggiorazione del 30%.

La “Sabatini” sostiene gli investimenti per acquistare macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali e, pertanto, si affianca perfettamente ai finanziamenti “Progetto Easy Plus” la cui vocazione è proprio quella di sostenere gli investimenti innovativi.

In questo momento in cui aumenta il costo del denaro per cercare di contenere l’inflazione, le agevolazioni previste dalla “Sabatini” appaiono fondamentali, in quanto l’intervento del ministero dello Sviluppo economico rapportato agli interessi sul finanziamento mitiga in misura importante il costo che l’impresa deve sostenere per realizzare i propri investimenti.

L’iter è molto semplice: le imprese presentano a Fidimed, unitamente alla richiesta di finanziamento, la domanda di accesso al contributo ministeriale, attestando il possesso dei requisiti e l’aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Fidimed, a sua volta, supporta le imprese in tutte le fasi del procedimento.

Mai come in questo momento complesso per l’economia italiana la nostra vicinanza è stata così fondamentale per consentire alle imprese di proseguire il loro percorso di crescita e sviluppo, dichiara Fabio Montesano (nella foto a destra), amministratore delegato di Fidimed”.

La nostra bancaaggiunge Giuseppe Pignatelli, responsabile della divisione Imprese di Banca Progetto (nella foto a sinistra) – con questa novità per il ‘Progetto Easy Plus’ aggiunge valore al proprio ruolo di sostegno alle imprese e ai territori, che trova nella partnership con Fidimed una formidabile leva di efficienza e rapidità di erogazione che ha rappresentato l’elemento di successo di migliaia di piccoli e medi imprenditori”.