In questi giorni sono aperte le urne virtuali (si vota via PEC) per le elezioni che, con un iter relativamente complesso, porteranno alla nomina del nuovo CdA di Enasarco.

Un tema poco sentito dagli intermediari finanziari e del credito, cui questo nome evoca solo i rilevanti contributi da versare ogni mese. Invece le scelte dell’ente riguardano da vicino la vita delle aziende e delle persone del settore del credito, non solo per il futuro pensionistico, ma già nel quotidiano.

Ne parliamo con Alfonsino Mei, membro dell’attuale CdA di Enasarco e, soprattutto, leader delle liste “Fare presto e fare bene” promosse da Confesercenti, Anasf e Federagenti.

Mei non è un “politico”, nella sua vita professionale ha sempre lavorato come consulente finanziario. E con questa concretezza ci parla di cosa si può fare subito per il contenimento dei contributi (cresciuti di quasi il 50% negli anni recenti), per erogare aiuti e assistenza al settore, per finanziare la formazione e allargare la professione di intermediario creditizio ai giovani.

Si vota fino al 7 ottobre, un diritto sia delle aziende (banche, 106, mediatori e agenzie ) che delle persone fisiche (agenti e collaboratori). Cliccando qui si può scaricare una semplice guida al voto.

Cliccando qui invece il programma completo di “Fare presto e fare bene”

Buon voto!