Attestata la capacità della società di mantenere la leadership di mercato consolidando ulteriormente la sua posizione come servicer di prestiti al consumo.

Standard & Poor’s ha confermato a Credit Network & Finance il ranking STRONG, il più alto riconoscimento a livello mondiale, come special servicer di crediti assicurativi attestando la capacità della società di mantenere la propria posizione di leader del settore. La società di ranking ha altresì assegnato il grado di ABOVE AVERAGE come special servicer di crediti al consumo evidenziando la capacità di Credit Network & Finance di consolidare ulteriormente la sua posizione di mercato.

Tra gli elementi oggetto di valutazione da parte di S&P hanno ottenuto una particolare attenzione:

  • la presenza di un team di gestione del servicing esperto e di lunga data;
  • la posizione di leadership di mercato in termini di asset in gestione con un track record di risultati positivi di oltre 10 anni di lavoro per conto dei maggiori assicuratori italiani;
  • la dimostrata abilità nella gestione di un portafoglio di oltre €3 miliardi di euro di crediti al consumo;
  • un solido sistema informatico a supporto del flusso di lavoro incorporato nella piattaforma di gestione dei prestiti;
  • la maggiore concentrazione di clienti nel settore dei prestiti in sofferenza (NPL) rispetto ad altri operatori di mercato.

Siamo particolarmente orgogliosi del risultato ottenuto” ha commentato Luigi Frascino, presidente e fondatore di Credit Network & Finance, “Quest’anno è stato particolarmente importante per la società.  Ci siamo concentrati molto nella parte infrastrutturale con lo sviluppo di nuovi software per garantire una perfetta interazione tra gestione e compliance. Abbiamo altresì ottenuto diverse nuove certificazioni ISO legate alla sicurezza sul lavoro, alla responsabilità sociale, alla sicurezza e privacy delle informazioni e gestione ambientale. Con particolare riferimento all’ambito ambientale la società intende proseguire con una visione di sostenibilità anche ambientale dell’attività”.