La Semestrale della Banca Popolare del Lazio, nonostante il noto quadro congiunturale nazionale ed internazionale, mostra un risultato netto pari a € 8,8 milioni, che beneficia anche della prudente politica degli accantonamenti effettuata negli anni precedenti.

Il Gruppo da un punto di vista patrimoniale registra un incremento dei crediti verso clientela, in particolare nelle forme tecniche dei finanziamenti CQS, dei prestiti chirografari e dei mutui ipotecari.

In aumento anche il dato della raccolta nelle forme tecniche tradizionali, in particolare dei c/c, mentre prosegue la contrazione della componente obbligazionaria, in linea con i dati di sistema.

La raccolta diretta da clientela si attesta a € 2.474 milioni e registra un incremento rispetto al dicembre scorso di € 169 milioni, pari al 7,33%.

La raccolta indiretta si attesta a € 1.131 milioni ed con una variazione negativa di € 88 milioni rispetto ai dati di fine dicembre scorso (-7.26%). Tale riduzione risulta strettamente collegata alla riduzione dei corsi determinata dallo sfavorevole andamento dei mercati finanziari.

In conclusione, il semestre è stato sicuramente positivo, con riferimento sia alla produttività sia dell’economicità della Gruppo, confermando gli effetti positivi della complessa ristrutturazione del Gruppo avviata nel 2021.