Parte oggi la consultazione pubblica, avviata da OAM, sulla bozza di comunicazione relativa al funzionamento delle piattaforme on-line che offrono servizi di preventivazione e/o comparazione di opzioni di finanziamento.

Entro il 18 febbraio prossimo chiunque possa averne interesse potrà trasmettere osservazioni e commenti che verranno analizzati dall’Organismo per predisporre il testo finale della Comunicazione.

La bozza di comunicazione, alla luce della diffusione dell’innovazione tecnologica nel settore dell’intermediazione del credito, chiarisce il perimetro all’interno del quale l’attività delle piattaforme on-line deve essere considerata attività riservata a soggetti iscritti all’OAM.

Obiettivo primario è assicurare, nel rispetto del principio di neutralità tecnologica, la parità di condizioni tra gli operatori del mercato, a prescindere dalle modalità di svolgimento dell’intermediazione creditizia mediante rete fisica oppure tramite canali on-line, e tenendo conto dei limiti normativi imposti rispetto allo svolgimento di attività riservate.

In particolare, in base alla bozza, svolgerebbero un’attività a carattere riservato, che comporta la necessaria iscrizione all’OAM, le piattaforme o siti che effettuino:

a) la raccolta, presso l’utente, di dati anagrafici (nome, cognome, mail, etc.) e di esigenza creditizia (tra cui alternativamente, tipologia di finanziamento, somma richiesta, durata del finanziamento, periodo di rimborso, tipo di tasso, etc.), seguita da una proposta di preventivo -anche mediante prospettazione di diversi importi di rata riconducibili a diversi finanziatori -successivamente fornendo all’utente la possibilità di ricontatto da parte della banca

b) la raccolta, presso l’utente, di dati anagrafici e di esigenza creditizia, non seguita dalla proposta di più offerte di credito, ma comunque accompagnata dall’indirizzamento dei dati raccolti verso uno specifico finanziatore, scelto dalla piattaforma stessa.

In questi casi è comunque necessario informare l’utente che le condizioni dell’offerta proposta all’esito delle simulazioni potrebbero variare dopo le valutazioni effettuate dal finanziatore sulla posizione dell’utente stesso. Ugualmente il cliente deve essere informato nel caso in cui la piattaforma non garantisca l’intera gamma di offerte disponibili sul mercato: in questa ipotesi non viene infatti proposto il prodotto in assoluto più conveniente.

La necessità della comunicazione al mercato nasce da quanto emerso dall’attività di vigilanza in base alla quale alcuni dei siti internet che svolgono l’attività di simulazione o compilazione risultano direttamente gestiti da intermediari del credito e/o da soggetti finanziatori, mentre altri sono diretti da soggetti non appartenenti al settore finanziario e, pertanto, non sottoposti al controllo di alcuna Autorità di Vigilanza del settore.