11 Novembre 2022

Cristiano Borean (Generali): “i Risultati conseguiti confermano gli Obiettivi del Piano Industriale”

Il Consiglio di Amministrazione di Generali, riunitosi sotto la presidenza di Andrea Sironi, ha approvato le Informazioni Finanziarie al 30 settembre 20222 del Gruppo Generali.

L’utile netto si attesta a Euro 2.233 milioni (Euro 2.250 milioni 9M2021) e risente degli impatti degli investimenti russi per Euro 141 milioni nei primi nove mesi del 2022.

Il risultato operativo si conferma in ulteriore crescita a € 4.770 milioni (+7,8%), grazie allo sviluppo positivo dei segmenti Vita e Danni.

Il risultato operativo del segmento Vita (+23,9%) e il New Business Margin (+0,68 p.p.) continuano a crescere, beneficiando del rialzo dei tassi di interesse. In aumento anche il risultato operativo del segmento Danni (+2,9%).

Il patrimonio netto di Gruppo si attesta a Euro 16.578 milioni (-43,4% rispetto a FY2021). La variazione è principalmente ascrivibile alla diminuzione della riserva per utili attribuibili alle attività finanziarie disponibili per la vendita per Euro -14.063 milioni – derivante soprattutto dall’aumento dei tassi di interesse e degli spread corporate.

SEGMENTO VITA

I premi lordi del segmento Vita ammontano a Euro 38.662 milioni (-2,9%). Flette la linea risparmio (-8,3%), soprattutto in Italia, Francia e Germania, mentre la linea unit-linked è sostanzialmente stabile (-1,4%), principalmente a seguito del rallentamento osservato nel terzo trimestre in Italia e Francia. La linea puro rischio e malattia si conferma in crescita (+5,0%) in quasi tutte le principali aree di operatività del Gruppo.

La raccolta netta Vita si attesta a Euro 7.667 milioni (-25,3%). La linea risparmio registra una raccolta netta di Euro -3.026 milioni (Euro -476 milioni 9M2021).
La raccolta della linea puro rischio e malattia aumenta a Euro 4.084 milioni (+9,8%) in quasi tutte le principali aree di operatività del Gruppo.

SEGMENTO DANNI

I premi lordi del segmento Danni aumentano a Euro 21.170 milioni (+10,3%), grazie all’andamento di entrambe le linee di business.

La linea non auto continua a crescere (+12,8%), con un’ulteriore accelerazione nel terzo trimestre, in quasi tutte le principali aree di operatività del Gruppo.

La linea auto aumenta del 6,1%, in particolare in Argentina (principalmente a seguito degli adeguamenti inflazionistici), Francia e ACEE, i cui andamenti più che compensano quelli osservati in Italia, Svizzera e Germania. In forte ripresa, anche grazie al contributo delle nuove partnership, la raccolta di Europ Assistance (+93,4%), che nel 2021 aveva risentito ancora degli impatti della pandemia, soprattutto nella linea viaggi.

Il Group CFO di Generali, Cristiano Borean, ha affermato: “I risultati dei primi nove mesi riflettono la solidità del nostro Gruppo basata sulla nostra strategia focalizzata sulle linee di business più profittevoli e su fonti di utili diversificate. Questo ci permette di continuare a generare valore nonostante il contesto macroeconomico. Generali sta conseguendo con successo una crescita sostenibile e sta aumentando costantemente il proprio risultato operativo, in coerenza con l’efficace implementazione del nostro piano strategico ‘Lifetime Partner24: Driving Growth’”.

(Visited 133 times, 1 visits today)
Navigazione fra articoli