Dovranno essere pagati entro il 31 marzo 2023 i contributi per l’iscrizione agli Elenchi e ai Registri gestiti dall’OAM.

Lo stabiliscono le circolari approvate oggi dal Comitato di Gestione che ritoccano in aumento l’ammontare dei contributi a carico di alcune categorie, confermando però l’esenzione per i nuovi iscritti agli Elenchi di Agenti e Mediatori ‘under 30’. In particolare, l’Organismo ha scelto di riformare la struttura del contributo fisso a carico delle società di capitali di Agenti in attività finanziaria, Mediatori creditizi e Agenti in attività finanziaria che prestano esclusivamente servizi di pagamento, differenziandolo in cinque classi in base al numero di collaboratori e dipendenti. L’incremento dei contributi, fa sapere l’Organismo, è necessario per affrontare un contesto caratterizzato da continue innovazioni tecnologiche: al fine di garantire al meglio la trasparenza e l’affidabilità del mercato, a beneficio degli stessi iscritti e dei consumatori, l’OAM comunica di dover affrontare costi aggiuntivi per adeguare strutture e procedure informatiche e rendere sempre più incisivi i controlli di vigilanza.

Invariati invece i contributi a carico dei Cambiavalute, mentre è stato deciso un leggero aumento del contributo variabile anche a carico dei Compro oro, in base al numero delle sedi operative. Come di consueto l’ammontare dei contributi è stato stabilito sulla base dei costi della struttura riferiti correttamente alle singole categorie, garantendo che i costi relativi alla gestione dei nuovi Registri assegnati dal legislatore non siano attribuiti alle categorie esistenti. Proprio per concedere maggior tempo per il pagamento del contributo richiesto è stato deciso di spostare il termine dal consueto 28 febbraio al 31 marzo.
Di seguito, l’ammontare dei contributi per gli iscritti a Elenchi e Registri: