4 Novembre 2022

Greensill, Assicuratore parla di “Condotta Ingannevole”

Un assicuratore che ha sottoscritto polizze per Greensill Capital prima del suo crollo, ha detto che non avrebbe concesso le coperture assicurative se fosse stato a conoscenza di presunte “condotte ingannevoli”.

È quanto riferisce il Financial Times che ha raccolto la dichiarazione di Greg Brereton, che ha lavorato per l’assicuratore australiano Bond & Credit Company (BCC). Brereton ha presentato la sua difesa in tribunale in risposta a una causa intentata dalla società di investimento statunitense White Oak, che ha acquistato alcuni dei debiti nei confronti di Greensill dal gruppo siderurgico GFG Alliance.

È la prima volta che Brereton ha rilasciato una dichiarazione sul crollo dello scorso anno di Greensill, sostenuto da SoftBank, dopo la cancellazione della sua copertura assicurativa. Bond & Credit Company aveva fornito una copertura di 10 miliardi di dollari contro il rischio di insolvenza sui prestiti di Greensill, poi inseriti in prodotti di investimento e venduti a investitori come Credit Suisse.

La relazione di Brereton e gli scambi di e-mail con il fondatore australiano di Greensill Capital, Lex Greensill, costituiscono una parte fondamentale del caso giudiziario australiano che sarà un test per assicuratori e riassicuratori, nonché per gli investitori, che rischiano di perdere miliardi sui loro investimenti con Greensill.

(Visited 62 times, 1 visits today)
Navigazione fra articoli