Il Consiglio di Amministrazione di Banca Ifis, presieduto dal vice presidente Ernesto Fürstenberg Fassio, ha approvato i risultati del primo semestre 2021.

«I risultati del primo semestre confermano la solidità del nostro modello di business che ha saputo subito cogliere i miglioramenti del contesto macroeconomico – spiega Frederik Geertman, amministratore delegato di Banca Ifis – Crescono a doppia cifra i ricavi che raggiungono i 292,6 milioni di euro e, al netto della PPA (Euro 277 milioni), registrano il massimo storico, a conferma della capacità della Banca di generare ricavi sostenibili nel lungo periodo.
In aumento del 31,5% l’utile netto della Capogruppo pari a Euro 48,3 milioni rispetto agli Euro 36,8 milioni del medesimo periodo dell’anno precedente.

Segnali positivi, legati alla ripresa, arrivano anche dal monitoraggio dei crediti in moratoria dove il 70% dei nostri clienti ha ripreso i regolari pagamenti. I rimanenti crediti in moratoria, pari a Euro 221 milioni, sono principalmente costituiti da crediti in leasing, con sottostante veicoli e beni strumentali e mutui principalmente garantiti dallo Stato.

Dal punto di vista strategico, prosegue il programma di digitalizzazione e omnicanalità dei servizi business. Dopo l’apertura nel mese di luglio di «Ifis4business» ad alcuni grandi clienti factoring, nei prossimi mesi estenderemo l’accesso alla piattaforma a tutta la nostra clientela factoring ed, entro il primo semestre 2022, a tutti i prodotti a portafoglio. Questo ci permetterà di raggiungere i clienti con modalità omnicanale, arricchendo ulteriormente la customer experience, oltre a offrire nuove opportunità in termini di marketing.

Nei primi sei mesi dell’anno, i recuperi di cassa sui portafogli Npl acquistati hanno raggiunto il massimo storico e si attestano a Euro 170 milioni, +45,4% rispetto ai 116,9 milioni del primo semestre 2020. I recuperi hanno beneficiato di precise azioni manageriali volte a incrementare la produttività del nostro servicing e a ridurre le tempistiche di recupero delle posizioni caratterizzate da maggiore incertezza.

Nel secondo trimestre 2021, nel segno di un’ulteriore prudenza riguardo agli impatti di lungo termine del Covid-19, abbiamo avviato la revisione del nostro portafoglio Npl e di quello commerciale, principalmente sulle posizioni con elevato vintage.

L’analisi, tutt’ora in corso, ha portato ad accantonamenti prudenziali per 9 milioni di euro sul portafoglio Npl e Euro 5 milioni sul portafoglio commerciale, già inclusi nei risultati del secondo trimestre. La review del portafoglio della Banca terminerà nel secondo semestre 2021.

Rispetto alle previsioni per l’anno in corso, sono convinto della capacità della Banca di creare utili sostenibili e ricorrenti: per il 2021 stimiamo un margine di intermediazione compreso tra Euro 540 e 560 milioni e un utile di esercizio compreso tra Euro 80 e 90 milioni, assumendo uno scenario in progressivo miglioramento del contesto macroeconomico, nessuno shock legato a nuovi lockdown negli Stati Uniti, in Europa o in Italia e il continuato supporto dei Governi e delle banche centrali alla ripresa economica» conclude Frederik Geertman.