29 Novembre 2023

Cronos: Corsa al Riscatto Scongiurata, il Fondo di Garanzia Rami Vita è Eccessivo

L’IVASS ha comunicato lunedì scorso alle associazioni dei consumatori che da inizio mese, quando è stato tolto il blocco ai riscatti delle polizze ex Eurovita ora Cronos Vita, non si è verificata alcuna corsa al rimborso anticipato da parte dei clienti.

Le richieste pervenute da allora sarebbero circa 15mila: numeri in linea con il trend del segmento Vita (che ha contato deflussi netti per 15 miliardi di euro nei primi 9 mesi 2023, specie nel ramo I, a causa della concorrenza di conti deposito e dei più volatili rendimenti netti dei Btp), dunque assolutamente gestibili e perfino in calo negli ultimi giorni, a sancire una volta di più la definitiva soluzione del primo e finora unico importante caso di default nel settore assicurativo italiano. Secondo i calcoli del Sole24Ore, al 16 novembre scorso le domande di riscatto hanno riguardato il 3,5% dei 400mila contratti in essere, corrispondenti a 1,1 dei 15,5 mld di riserve (il 7,7% del totale).
La newco, insomma, ha liquidità per sopportare cifre anche di molto superiori e la clientela deve averlo capito: la nuova realtà guidata dall’esperto dg Alessandro Santoliquido è forte di una Solvency al 150%, e presto le loro gestioni separate finiranno definitivamente nelle acque sicure dei 5 Big del comparto. E c’è sempre il finanziamento ponte da 4 mld della rete di banche distributrici. A onor del vero oggi, al termine dell’articolato iter di sistema durato 9 mesi, si potrebbe dire che gli assicurati ci hanno addirittura guadagnato dall’operazione di salvataggio.

Alla luce del lieto fine del dossier, forse ha ragione Ania a reputare eccessiva la dotazione finanziaria del Fondo di garanzia dei rami vita, pari almeno allo 0,5% delle riserve tecniche dei rami vita in 10 anni, recentemente istituito dal governo proprio in scia all’affaire Eurovita. “Tenuto conto dell’attuale livello delle riserve matematiche (800 miliardi a giugno 2023, di cui 200 di polizze di ramo III), l’ammontare di 4 miliardi sembra sovradimensionato” ha detto la presidente Maria Bianca Farina in audizione sul ddl Bilancio 2024, considerato che la vigilanza tiene già alta la guardia sulla Solvency II e che il rimborso al cliente è previsto comunque fino a massimo 100mila euro. In Francia e Germania, ad esempio, hanno dotazioni pari rispettivamente allo 0,5 e 1 per mille.
L’associazione delle compagnie chiede dunque di ridurre il target del Fondo, differenziando “la contribuzione tra le polizze di ramo III per le quali all’assicurato è sostanzialmente dovuto il solo valore dei titoli sottostanti, e le altre dove le prestazioni sono garantite”; e di portare la quota a carico delle compagnie allo 0,4 per mille con la possibilità di contribuirvi anche utilizzando il credito d’imposta in parola.

FBF Tv Show 2023. Prodotti Vita di Investimento, quale Futuro? Rispondono UniCredit, CNP Vita e Italiana Assicurazioni

(Visited 1.409 times, 27 visits today)
Navigazione fra articoli