DAll’aggiornamento del piano industriale di UBi Banca Nel 2021 esercizio dell’opzione call per l’acquisto del 100% di Aviva Vita (ad oggi UBI detiene una partecipazione del 20% nella joint venture).

Principali Ipotesi

▪ rendimento del capitale investito maggiore del 10%
▪ Capitale assorbito per l’internalizzazione di Aviva: ca. 50 pb ne

Aumento del contributo all’utile netto di Gruppo di € 40 mln nel 2022 (rispetto a € 12,1 mln nel 2019

Driver dell’internalizzazione

  • fusione tra BAP e Aviva Vita
  • nuovo mix produttivo con un progressivo aumento dell’incidenza di prodotti unit linked e index linked (dal 32% al 45%)
  • struttura di prodotti in linea con la situazione attuale in termini di commissioni up-front, commissioni di gestione, ecc.
  • nel 2022 costi amministrativi pari allo 0,25% delle riserve esclusi i costi di integrazione
  • indice di solvibilità (solvency ratio) target > 180%.