Sigla – Intermediario finanziario specializzato nell’erogazione di prestiti personali assistiti da cessione del quinto dello stipendio e della pensione e da delegazione di pagamento – ha completato la sua prima operazione di cartolarizzazione con il collocamento dei titoli senior e mezzanine sul mercato primario dei capitali.

Questa operazione conferma la strategia di funding della società che in passato aveva già realizzato le operazioni di cartolarizzazione private Civetta I, Civetta II e Pelmo ramp-up.

L’offerta pubblica ha riscontrato un importante successo, con ordini complessivi pari a circa Eur 600 mln sulle diverse tipologie di note a fronte di Euro 200 milioni di titoli in offerta e rappresenta il miglior collocamento in termini di prezzo, di titoli italiani ABS “Post Covid” su operazioni con tale tipologia di sottostante.

Gli ordini sono stati effettuati da 19 investitori istituzionali, di cui esteri per circa il 62% dell’ammontare dei titoli, a testimonianza dell’ottimo apprezzamento della qualità dei crediti a garanzia dell’operazione di cartolarizzazione.

L’operazione, strutturata da Société Générale Corporate & Investment Banking (“SG CIB”) quale Arranger è stata perfezionata tramite la società veicolo Pelmo S.r.l. IMI-Intesa Sanpaolo e SG CIB hanno agito in qualità di Joint Lead Managers e Bookrunners nel collocamento dei titoli Senior e Mezzanine.

Per finanziare l’acquisto del portafoglio l’SPV ha emesso titoli Senior (classe A), Mezzanine (classe B e classe C) e Junior (classe J). I Titoli Senior e Mezzanine sono stati quotati presso il mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo e hanno ottenuto un rating all’emissione come segue:

 

La tranche Senior di Classe A, con coupon di Euribor 1m + 70bps, è stata collocata sul mercato ad un valore sopra la pari (100.523) determinando così uno spread finale di 55 punti base.

La classe B (Mezzanine) è stata collocata sul mercato con un coupon di Euribor 1m + 120 bps.

La classe C (Mezzanine) è stata collocata con un coupon di Euribor 1m + 170 bps.

Sigla ha sottoscritto interamente i Titoli Junior (per un valore complessivo pari al 5% dell’importo del portafoglio cartolarizzato) mantenendo così l’interesse economico nell’operazione ai sensi della normativa applicabile.

“Siamo estremamente contenti dei livelli di spread ottenuti con il collocamento delle note e del forte interesse manifestato dagli investitori sia italiani che esteri che rappresenta un attestato di fiducia sulla qualità degli asset sottostanti che costituiscono il core business della nostra società,” commentano Andrea Zanatta (Head of Structured Finance) ed Alberto Camuffo (Head of Treasury) in merito all’operazione conclusa.

Il CFO della società, Mauro Tartaglia, sottolinea che “tale operazione rappresenta per Sigla un’ulteriore diversificazione delle forme di provvista e ci permette, grazie ai livelli di costo ottenuti, di competere con i principali operatori del settore”.

Gli aspetti legali sono stati curati dallo studio internazionale Jones Day (in qualità di drafting counsel) con un team cross-border degli uffici di Milano e Francoforte per gli aspetti di diritto italiano e per quelli di diritto inglese. Hogan Lovells ha assistito SG CIB quale Arranger e Joint Lead Manager e Intesa Sanpaolo (Divisione IMI Corporate & Investment Banking quale Joint Lead Manager.

Banca Finanziaria Internazionale S.p.A. ha invece agito in qualità di Master Servicer, Rappresentante dei Portatori dei Titoli, Corporate Servicer Provider e Calculation Agent, mentre The Bank of New York Mellon ha ricoperto i ruoli di Account Bank e Paying Agente e di Listing Agent. Infine i contratti di copertura da rischio tasso sono stati finalizzati con BNP Paribas S.A.