Nei primi 8 mesi del 2021 il mercato del leasing e del noleggio a lungo termine cresce del +26,4% in numero e +35,3% in valore.

Il numero delle stipule sfiora i 410mila contratti per un valore di oltre 18,2 miliardi di euro.

Si conferma il superamento dei valori di stipulato pre-Covid per tutti i comparti, ad eccezione dell’Aeronavale e ferroviario e del comparto Immobiliare, che ancora si mantengono su volumi più contenuti.

Dalle analisi del Centro Studi Confindustria emerge come il recupero dell’economia italiana nel 2021 si stia consolidando; i consumi delle famiglie sono in forte risalita, mentre l’industria sta cedendo il passo ai servizi nel trascinare al rialzo il PIL italiano.

Con riferimento alla dinamica dei finanziamenti in leasing, il trend positivo del mercato riflette la buona performance di quasi tutti i comparti, in particolare il leasing Strumentale registra una crescita del +15,0% nel numero dei contratti e del +52% nel valore della nuova produzione, sostenuto dallo sviluppo del leasing finanziario (+43,5% in numero e +68,1% in valore).

Quest’ultimo ha visto un forte slancio grazie alla forte penetrazione del leasing all’interno degli investimenti di cui alla Nuova Sabatini. Il comparto Automotive (+32,3% in numero e +34% in valore) presenta una crescita nel numero delle immatricolazioni in tutti i sotto[1]comparti, con una dinamica particolarmente positiva per il prodotto del noleggio a lungo termine e per i veicoli industriali in leasing.

Seppur su volumi ancora al di sotto dei livelli pre-Covid, si rafforza la ripresa del leasing Immobiliare, che vede aumentare il numero dei nuovi contratti del +13,8% a fronte di un aumento del +13,3% del valore degli stessi. Si segnala una riduzione del taglio medio delle operazioni per gli immobili «da costruire» che riportano un incremento del +3,5% nel numero delle stipule e mostrano un rallentamento negli importi. Si conferma la vivacità per il settore delle Energie Rinnovabili che si avvicina ai 55 milioni di euro.

Il comparto Strumentale presenta andamenti positivi in tutte le fasce d’importo del leasing finanziario soprattutto grazie agli effetti positivi prodotti dalla combinazione del leasing e della misura agevolativa Nuova Sabatini.

La crescita più marcata si osserva nel sotto-comparto dei contratti compresi tra i 50mila e i 0,5milioni di euro (+81,9% rispetto al 2020 e +36,5% rispetto al 2019), inoltre, tali contratti, rappresentano circa il 55% dell’intero comparto. Seppur il solo mese di agosto mostra una crescita del +3% per i «big ticket», per il leasing strumentale operativo prosegue il rallentamento già registrato nei mesi precedenti. Nell’Auto si osserva una crescita a due cifre nel valore delle autovetture in NLT (49,8%), dei veicoli commerciali in NLT e industriali in leasing (rispettivamente +40,7% e +39,8%).

Risulta leggermente inferiore il tasso di crescita delle autovetture in leasing (+9,4%) e dei veicoli commerciali in leasing (+9,5%). Positiva la performance del comparto del leasing Immobiliare soprattutto grazie alla dinamica degli immobili «costruiti» che riportano trend positivi per tutte le fasce ed in particolare le operazioni di importo >2,5 milioni di euro archiviano un +50,3%; seppur l’immobiliare «da costruire» mostra complessivamente una leggera flessione, la fascia d’importo più bassa cresce del +1,8%.