IBL Banca, ha chiuso il 2020 con un utile netto consolidato di 42,7 milioni di euro (+46% rispetto al 2019). Il margine di interesse consolidato è cresciuto a 125,4 milioni di euro (in aumento del 21% rispetto ai 103,6 milioni di euro del 2019), mentre il margine di intermediazione consolidato è risultato pari a 159,5 milioni di euro (in crescita del 20,1% rispetto ai 132,8 milioni di euro nel 2019).

“Il bilancio 2020 vede tutti gli indicatori economici e di redditività positivi e in crescita oltre al consolidamento dei coefficienti patrimoniali. Grazie all’impegno e alla coesione dei 750 dipendenti del Gruppo, della nostra rete di filiali e agenti, siamo riusciti a crescere nonostante il difficile periodo. Questi risultati pongono le basi per un nuovo e ambizioso percorso di sviluppo per il Gruppo che si concretizzerà nel prossimo triennio”, ha commentato Mario Giordano, Amministratore delegato di IBL Banca.

 

A livello consolidato gli impieghi per finanziamenti alla clientela retail hanno superato i 3 miliardi di euro (+ 5,8% rispetto ai 2,9 miliardi di euro del 2019) e la raccolta diretta da clientela retail si è attestata a 2,1 miliardi di euro, rispetto ai 1,8 miliardi di euro del 2019 (+15,7%).

A livello di efficienza gestionale nel 2020 il Cost income è sceso ancora attestandosi al 63% (più basso e quindi migliore rispetto al dato media europeo pari al 66,6%) mentre è in netto miglioramento l’indice di reddittività con il ROE al 10,5% rispetto al 8,5% del 2019.

Il totale dell’attivo ha raggiunto i 7,1 miliardi di euro contro i 6 miliardi di euro della chiusura dell’esercizio 2019 (+18%)

Al 31 dicembre 2020 il patrimonio netto di pertinenza del Gruppo è risultato pari a 434 milioni di euro (+10,3% rispetto al 2019).

 

I principali indici di vigilanza prudenziale sono ampiamente in linea con i requisiti patrimoniali richiesti dalla BCE, con il CET1 del Gruppo IBL Banca che si attesta al 16%, il Tier1 Ratio al 17% e il Total Capital Ratio al 17,5%. La banca conta anche su di un free capital ad oggi di circa 145 milioni di euro.