Il Gruppo Bancario BPL, guidato dall’amministratore delegato Paolo Caroli, comunica i dati al 31/12/2021 che evidenziano un’importante crescita nelle principali aree di business:

  • Leasing e Mutui chirografari, dove la nuova produzione ammonta a Euro 138 milioni, registrando un incremento del 6% rispetto al 2020;
  • Cessione del quinto, con flussi pari a Euro 202 milioni, con una crescita del 64% rispetto al precedente esercizio.

Lo stock dei finanziamenti erogati alla clientela ammonta ad Euro 474,5 milioni con una crescita dell’8% rispetto al 2020.

I principali motivi che hanno permesso questi risultati sono riconducibili: relativamente a leasing e mutui, alla ripresa degli investimenti da parte delle PMI ed alle agevolazioni del Fondo di Garanzia; mentre per la Cessione del Quinto, la crescita delle quote di mercato di ADV Finance è stata agevolata dalle nuove modalità di sottoscrizione a distanza dei contratti di finanziamento (video identificazione a distanza e firma digitale a cui recentemente si sono aggiunte spid e cie).

A fine 2021, il totale attivo è pari a Euro 742,1 milioni. In miglioramento anche la raccolta diretta da clientela, pari a Euro 456,4 milioni, con un +19% rispetto a fine 2020.

Il conto economico evidenzia una crescita del 39% del margine d’interesse, che si attesta a Euro 12,1 milioni ed un notevole aumento delle commissioni nette, pari a Euro 1,8 milioni.

Il margine d’intermediazione ammonta a Euro 19,8 milioni, registrando un incremento del 54% rispetto al 2020.

Il raggiungimento di questi obiettivi è anche frutto del potenziamento di tutte le strutture del Gruppo, che nel 2021 si è tradotto nell’assunzione di 43 nuove risorse, sotto varie forme contrattuali.

Il risultato lordo è positivo per Euro 3,7 milioni, grazie al miglioramento delle principali linee di ricavo.

L’utile netto è pari a Euro 2,2 milioni, superiore a quanto previsto dal Piano Strategico.

Paolo Caroli, amministratore delegato del gruppo, ha commentato: La scelta strategica di sviluppare nuovi canali e prodotti, avvenuta a metà 2020 con la creazione del Gruppo Bancario, aveva tra i principali obiettivi quello di far emergere il potenziale delle realtà che lo compongono; siamo quindi particolarmente soddisfatti che i risultati del 2021 esprimano complessivamente questo potenziale, a conferma dell’efficace modello di business adottato”.

“Il nostro Gruppo – prosegue Caroli – continuerà a focalizzarsi sui prodotti a più alta opportunità di crescita e redditività, in particolare leasing e cessione del quinto. A tal fine sono in corso nuovi investimenti nella tecnologia digitale con lo scopo di rendere più efficienti i flussi aziendali ed agevolare il rapporto con i clienti. In particolare, i prossimi mesi ci vedranno impegnati nel completamento della piattaforma di digital lending dedicata alle PMI. Grazie a questo nuovo strumento, le imprese clienti potranno richiedere da remoto non solo i tradizionali finanziamenti bancari ma anche un contratto di leasing”.

Il modello distributivo resterà leggero e flessibile: nessuna filiale, ma negozi finanziari sul territorio ed una rete distributiva esterna fortemente coinvolta nel business. Proseguirà inoltre la distribuzione dei prodotti leasing e CQS anche attraverso accordi commerciali con reti bancarie e utilizzo del canale online per la raccolta. Con queste premesse contiamo di erogare oltre 1 miliardo di nuova produzione nel triennio 2022-2024ha concluso Caroli.