Gian Luca Sichel, amministratore delegato di CheBanca! commenta così i risultati dei primi tre mesi 2020 (si ricorda che per tutto il Gruppo Mediobanca sarebbe il 3° trimestre, avendo la chiusura del bilancio al 30 giugno):

La chiusura del terzo trimestre dell’esercizio è stata profondamente caratterizzata dalla diffusione della pandemia Covid che ha influenzato pesantemente la struttura sociale ed economica. CheBanca! grazie al suo modello nativo digitale e multicanale ha affrontato la situazione in modo molto efficace e tempestivo consentendo il lavoro da remoto di gran parte dei collaboratori e mettendo in sicurezza gli accessi alle filiali. La consulenza ai clienti, mai così importante come in questo periodo critico, è continuata grazie alla digitalizzazione delle procedure, al potenziamento del servizio clienti e alla strutturazione di appuntamenti dedicati. Il modello di business si è a sua volta dimostrato molto resiliente alla contingenza grazie ad un mix vincente tra raccolta diretta ed indiretta. Continueremo nei prossimi mesi a supportare collaboratori e clienti anche attraverso l’adesione alle numerose iniziative avviate a livello governativo.

Gli impieghi alle famiglie (mutui residenziali) salgono nel periodo da €9,0mld a €10,1mld per effetto di un erogato mutui di €1,8mld (+45,1% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, con un rallentamento delle ultime settimane dovuto al generale lockdown). CheBanca! continua quindi a rimanere a supporto delle famiglie con erogazioni di mutui residenziali per €0,5mld nel periodo gennaio-marzo (€0,8mld nel 2° trimestre, ovvero settembre-dicembre 2019) con contenuti livelli di LTV. 

I risultati dei nove mesi confermano così il continuo positivo sviluppo di CheBanca!

    • Ricavi in sostenuta crescita a €237m (+7,5% rispetto ai 9 mesi dell’esercizio precedente) graziealla crescita di commissioni (+22% a €76m) e margine di interesse (+2% €160m);
    • Costi in aumento del 6% (a €185m) per l’accresciuta operatività ed il potenziamento delladistribuzione che conta oggi 863 professionisti (+11% nei nove mesi) e 190 punti vendita di cui: o n.454gestoriaffluentepremier(+9neinovemesi)
      o n.409consulentifinanziari(+74neinovemesi)
    • Utile lordo in crescita a €39m (+7%);
    • Raccolta netta a €1,6mld e masse in crescita a €26,3mld (+5% a/a) grazie soprattutto allacrescita del gestito: AUM/AUA a €11mld +15% a/a, depositi per €15mld, stabili a/a

      GESTIONE DELL’ EMERGENZA SANITARIA Covid-19

      Gestione delle relazioni con i clienti

      Sono state intensificate le attività di comunicazione con i clienti, in particolare sull’andamento dei mercati e gestione degli investimenti, sull’utilizzo dei canali e degli strumenti digitali, sulle nuove modalità di organizzazione delle filiali.

      Per quanto riguarda la consulenza, è stata intensificata la gestione da remoto, sfruttando le funzionalità di web e mobile collaboration ossia permettendo al cliente di confermare digitalmente la raccomandazione di investimento preparata dal Gestore e dal Consulente Finanziario da remoto.

      Gli operatori del Servizio Clienti sono stati abilitati con modifiche dei processi a svolgere il servizio anche in modalità smart working.

      La banca è impegnata nel consentire ai clienti l’accesso alla moratoria sui mutui, agli anticipi della Cassa integrazione e ai finanziamenti garantiti di cui al recente Decreto Liquidità. Il sito di CheBanca! è stato opportunamente arricchito per evidenziare ai clienti i processi da seguire per aderire alla moratoria Consap sui mutui e alla richiesta di anticipo della cassa integrazione.

      Gestione della rete in termini di aperture / chiusure delle singole unità

      Nel mese di marzo nella fase iniziale dell’emergenza sanitaria, dapprima le filiali hanno effettuato la chiusura al sabato e in seguito, è stata effettuata una riduzione degli orari di apertura al pubblico 8.30-13.15.

      Successivamente, a fronte del peggioramento delle condizioni e restrizioni, si è ritenuto opportuno consentire l’accesso alle filiali esclusivamente su appuntamento e solo per alcune specifiche operazioni.

      Per quanto riguarda la rete dei Consulenti, al fine di garantire la sicurezza di Consulenti e clienti, ogni ufficio si è adeguato sulla base delle ordinanze territoriali vigenti, in merito all’apertura o alla chiusura degli stessi. Ove è stato possibile rimanere aperti, si è raccomandata particolare attenzione al mantenimento delle distanze di sicurezza e di tutte le indicazioni fornite dagli enti preposti.