Al 30 giugno 2020, nonostante il lockdown, i risultati di Monety, la società di mediazione creditizia del Gruppo Gabetti, risultano allineati rispetto al 2019.

Il business è in crescita e, nonostante i due mesi di blocco totale dell’attività nel semestre risulta ancora in linea con l’esercizio precedente nei mesi di marzo, aprile e maggio. L’attività è stata penalizzata dagli effetti negativi della diffusione del Covid 19 che ha portato allo slittamento di molte pratiche di mutuo che si prevedono di per essere smaltite nei prossimi mesi.

Dal 20 maggio 2020 inoltre è stata acquisita la società Mutuisi, società leader in Lombardia nella consulenza creditizia e particolarmente attiva sul mercato dell’online.

L ’obiettivo è di raggiungere ad integrazione avvenuta importanti volumi di erogato, sfruttando economie di scala e senza dimenticare l’offerta web a cui il marchio Mutuisi sarà dedicato in via esclusiva.  MutuiSì gestisce quindi le numerose segnalazioni di contatto derivanti da tutti i siti del Gruppo Gabetti e dal portale immobiliare Wikicasa, di cui il Gruppo è ideatore e socio al 34%.

Ad integrazione avvenuta, il piano di sviluppo di Monety prevede il raggiungimento di 500 milioni di mutui intermediati entro il 2022 e una serrata attività di recruiting, per arrivare a una rete completa di almeno 250 professionisti (ad oggi pari a 160), con obiettivo di fatturato fissato a 15 milioni di euro entro due anni.

I ricavi al 30 giugno 2020 sono stati pari ad Euro 1,9 milioni (comprensivi di euro 251 mila derivanti da Mutuisi) superiori del 16% rispetto del 2019.

Recentemente Monety ha ampliato il suo portafoglio prodotti, siglando un nuovo accordo per la distribuzione dei mutui di MPS.