“Ciò che sta succedendo fra IntesaSanpaolo, Unipol e UBI Banca.  tutto ancora da capire e soprattutto da interpretare”

Questo il commento a caldo del banchiere europeo fossanese Beppe Ghisolfi alla notizia che sta in queste ore mettendo in agitazione i mercati finanziari. – Dimostra comunque che quando si rinuncia all’autonomia non si sa dove si può arrivare. Complimenti a Carlo Messina e a Intesa San Paolo.

La mia sensazione è che, in prospettiva, i legami con il territorio (e Ghisolfi si riferisce in particolare alla provincia di Cuneo  saranno sempre più deboli. Nel tempo, si è passati ad esempio nella provincia Granda dalla gloriosa Cassa di Risparmio di Cuneo, alla Banca Regionale Europea e poi UBI e infine Intesa, indubbiamente una grande banca internazionale. Speriamo che il territorio cuneese non ne esca impoverito”.

I