da semestrale Gruppo  CR Asti

Forte capacità di resilienza: miglioramento generale delle condizioni del Gruppo (espresso dagli specifici indicatori) e conseguimento di un utile netto consolidato pari a 7,1 mln di euro ( contro Euro 12,7 milioni dello stesso periodo 2019), nonostante un approccio severo e prudente a fronte dei potenziali impatti economici correlati alla pandemia Covid-19.

Rafforzata la solidità patrimoniale con il CET1 Ratio al 13,98% e il Total Capital Ratio al 16,96%.

Anche in uno scenario economico fortemente impattato dal Covid-19, il Gruppo ha dimostrato, nel primo semestre 2020, un’ottima capacità di resilienza e di adattamento al mutato e severo contesto economico.

L’erogazione di crediti nel semestre per circa 630 milioni di Euro e l’istruttoria di circa 9.800 richieste di liquidità alle imprese per circa 500 milioni di Euro (DL Liquidità) confermano il concreto impegno del Gruppo nel supportare famiglie e operatori economici, anche nell’attuale difficile contesto legato all’emergenza sanitaria. Inoltre, a supporto della clientela sono state perfezionate circa n. 25.100 moratorie, di cui n. 14.800 a privati (per un importo complessivo pari a 0,8 miliardi) e n. 10.300 a imprese (1,7 miliardi). 

Effettuati prudenti e significativi accantonamenti su crediti alla luce delle previsioni degli impatti correlati alla severa crisi conseguente al perdurare dell’emergenza sanitaria. L’ ”effetto Covid” incide per circa 28 milioni di Euro, pari al 36% dell’ammontare complessivo delle rettifiche dell’esercizio sui crediti a clientela.