Compass chiude i primi tre mesi 2022 (su i 9 mesi totali) con l’utile netto più alto di sempre (€284m, +32%).

In crescita anche l’erogato (€5,6mld contro €4,6mld dello scorso anno) e l’ottima qualità dell’attivo hanno permesso di raggiungere un margine operativo record (pari a €419m, risultato dei nove mesi più alto di sempre) confermando il recupero rispetto al rallentamento provocato dalla pandemia.


Compass, anche in questa prima parte 2022, conferma la validità del suo modello di business, che si caratterizza per:

Bassa correlazione storicamente registrata con il PIL sia a livello di erogato che del costo del rischio, e tassi default ai minimi e coperture ai massimi storici.

Mix di prodotto bilanciato ome prestiti personali e le dilazioni di pagamento anche anticiclici.

Continuo rafforzamento della rete distributiva diretta con sempre maggior focus sulla distribuzione digitale.

Innovazione di prodotto e canale attraverso la diversificazione in attività di nicchia, tecnologicamente all’avanguardia come il recente lancio di Pagolight nel BNPL (“Buy Now Pay Later”).

Nel dettaglio, nei nove mesi Compass ha ulteriormente rafforzato la propria piattaforma distributiva multicanale rafforzando la presenza territoriale con 9 nuove aperture per un totale di 240 unità, di cui 61 gestite da agenti, cui si aggiungono 56 punti vendita Compass Quinto (specializzati nella commercializzazione della cessione del quinto).

Compass Link, che aveva avviato la propria attività come Agente in Attività Finanziaria focalizzato sull’offerta di prodotti fuori sede, nell’estate 2021, alla fine di marzo 2022 si avvale della collaborazione di 45 agenti.

Prioritario il continuo rafforzamento dei canali digitali che, nei nove mesi, hanno intermediato il 26% dei volumi dei prestiti personali del canale diretto con più dell’80% delle richieste evase in un giorno.

Nel luglio 2021 è stata lanciata Pagolight, la nuova piattaforma di BNPL di Compass, che a fine marzo 2022, ha convenzionato 2.800 esercenti generando crediti per quasi 40 milioni (di cui circa 10 milioni nel solo mese di marzo).

Nello stesso periodo Compass, grazie all’ampio franchise e alle consolidate capacità di valutazione e apprezzamento del rischio, è cresciuta più del mercato registrando uno sviluppo dell’erogato pari al 18% rispetto al primo trimestre 2021 con una quota di mercato pari al 10%.

I nove mesi consuntivano un utile netto di 283,8 milioni (+32% rispetto allo scorso anno). Il positivo andamento degli impieghi (€13,5 miliardi che si confronta con 12,9 miliardi lo scorso giugno), ha pressochè raggiunto il livello più alto di sempre (€13,7 miliardi ante Covid) garantendo la crescita del margine di interesse (da €664,4 a €698,8 milioni). L