Il patrimonio immobiliare siciliano ha ancora una bassa efficienza energetica.

Oggi l’Enea ha presentato il Rapporto annuale sull’efficienza energetica aggiornato al 2019. L’estrapolazione dei dati della Sicilia, considerato che il 73% degli immobili nell’Isola è stato costruito prima del 1980, cioè in periodo antecedente alle prime norme su criteri edilizi a risparmio energetico, mostra che lo scorso anno sono stati realizzati 12.426 interventi di efficientamento per un investimento complessivo di 73 mln di euro e un risparmio ottenuto di 23 GWh l’anno nei consumi di elettricità. Il dato si aggiunge ai 45.488 interventi registrati fra il 2014 e il 2018 per 327 mln e 95,4 GWh. C’è stato un miglioramento rispetto al 2018, quando sono stati investiti 60,6 mln in 8.407 riqualificazioni energetiche per un risparmio di 17,3 GWh l’anno.

La metà delle opere eseguite nel 2019 ha riguardato edifici costruiti prima del 1980. Riguardo al Bonus Casa 2019, vi hanno avuto accesso 11.141 proprietari che per la maggior parte hanno sostituito infissi (4.611) e installato caldaie a condensazione (2.548) e pompe di calore (2.487), ma sono stati ancora pochi gli impianti fotovoltaici (48) e i generatori a biomasse (492) inseriti negli edifici. In conclusione, dal Rapporto annuale dell’Enea si rileva che la media degli investimenti di riqualificazione energetica per abitante in Sicilia è fra le più basse d’Italia e di gran lunga lontana dalla media nazionale.

“Nonostante i dati siano confortanti e mostrino una tendenza al recupero rispetto al passato, è evidente che c’è ancora un ampio divario fra la realtà siciliana e il resto del Paese – commenta Ines Curella, A.D. della Banca Popolare Sant’Angelo – in termini di qualità ambientale degli edifici e di adozione ‘domestica’ di fonti energetiche rinnovabili. Pensiamo che vada colmato al più presto promuovendo il massimo ricorso agli incentivi statali per riqualificare il patrimonio immobiliare siciliano, aumentarne il valore, ridurre i consumi energetici, tutelare l’ambiente. Un’azione che la Banca vuole condurre anche per sostenere la ripresa del settore edilizio e immobiliare in Sicilia, da anni in fortissima crisi”.

Per questo motivo la Banca popolare Sant’Angelo, impegnata più che mai durante l’emergenza Covid-19 a sostenere famiglie e imprese siciliane, mette a disposizione di clienti privati e condomìni un nuovo servizio in grado di favorire e semplificare le ristrutturazioni con l’utilizzo del Superbonus 110%, grazie ad un accordo sottoscritto con Gabetti Lab, società tecnica di gestioni condominiali, di riqualificazioni energetiche e di facility management, controllata dal Gruppo di servizi e competenze immobiliari Gabetti Property Solutions.

L’accordo coinvolge, nella realizzazione di “Progetti Eco-SismaBonus” in Sicilia, una rete di primari professionisti, di imprese e partner nazionali e locali dotati di innovativi modelli organizzativi e commerciali e di sofisticate soluzioni tecniche, finanziarie e fiscali nell’ambito delle riqualificazioni immobiliari attraverso l’utilizzo dell’Eco-SismaBonus e della cessione del credito fiscale.

“Si tratta – spiega Ines Curella – di un nuovo servizio che offriamo ai nostri clienti per aiutarli a coprire le spese degli interventi ricorrendo al Superbonus 110%, l’incentivo statale per ristrutturazioni in chiave ‘green’ e antisismica la cui particolare complessità suggerisce, però, l’opportunità di rivolgersi a operatori qualificati e specializzati, di comprovata esperienza, competenza e affidabilità nell’ecobuilding e nella bioedilizia, che siano in grado di fornire un’assistenza globale sia nella progettazione ed esecuzione degli interventi, sia nella fase amministrativa, pena il rischio di andare incontro a errori che potrebbero comportare anche la restituzione dell’intero credito fiscale all’Agenzia delle Entrate. Abbiamo individuato in Gabetti Lab – conclude Curella – un primo partner che risponde a questi requisiti e che riteniamo possa aiutare efficacemente i nostri clienti a raggiungere i risultati sperati”.

In particolare, grazie a questo accordo, Gabetti Lab ha costituito in Sicilia il “Green team”, una task force di professionisti multidisciplinari. Il team si occupa dello studio di fattibilità tecnico-fiscale, dell’individuazione dei professionisti e delle imprese più idonei all’esecuzione delle opere, del progetto esecutivo, dell’attivazione di un General contractor nazionale (come EnelX e TepSnam) che fornisca know-how e tecnologie di ultima generazione con notevoli economie di scala a beneficio del cliente, dei contratti di appalto con le imprese e della supervisione del processo fino alla conclusione dei lavori.