barba-vincenzoVincenzo Barba, 39 anni, oggi Presidente del gruppo PrestitoSì Finance S.p.A. si racconta.

Vincenzo Barba ha iniziato il suo percorso nella intermediazione finanziaria nel 2006, conquistando per quattro anni consecutivi riconoscimenti come “Migliore Agente nella categoria Prestiti Personali”.

Nel 2010 fonda e lancia il brand PrestitoSì, portandolo alla premiazione agli Awards nel 2012, 2014, 2015 come “migliore società in Italia Prestiti Personale con più di 130 consulenti finanziari 50 uffici a marchio esclusivo su tutto il territorio, posiziona la società PrestitoSì tra le più importanti realtà sul mercato della mediazione creditizia in Italia”.

In questi anni trasforma la società PrestitoSi in S.p.A. e, contestualmente, diviene fondatore e creatore dei brand “Creiamo Valore Italia”, “Intermedia Retail” e “Chiama Italia”. Presidente dell’associazione storica di categoria “Assoprofessional”, ha frequentato il master in “Economia e gestione della comunicazione”, competenze certificate in marketing, PNL management, business strategy e comunicazione.

Attento conoscitore delle dinamiche economiche e nei nuovi mercati, non arresta mai la sua sete di conoscenze e formazione professionale. Impegnato nell’ambito sociale, ha un unico desiderio: contribuire al benessere della società.

Il suo motto: “Tutti abbiamo dei sogni, ma per realizzarli servono determinazione, dedizione, autodisciplina e sforzo in quantità formidabili”

  • Vincenzo, cosa ti fa pensare la parola cambiamento in questo nuovo scenario economico?

Ci ritroviamo in un mercato totalmente mutato da quelli che ha ci hanno preceduto dagli inizi della prima fase credit crunch e, di pari passo, ritroviamo un consumatore cambiato. Oggi è il consumatore che fa il mercato. Il consumatore è diventato più attento, più sensibile e continuamente esposto alla comunicazione. È importante che le aziende e i professionisti siano orientati sempre più verso la chiarezza e la coerenza nel tempo, riuscendo a sfruttare a proprio favore le nuove esigenze del consumatore del terzo millennio.Ricordo una frase di Charles Darwin scritta nel 1809, ma mai più attuale che nei giorni d’oggi: “Non è la specie più forte che sopravvive, né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti”.

  • Cosa pensi di questo nuovo mercato della mediazione creditizia?

Il mediatore creditizio odierno deve avere un background diverso, con caratteristiche di forte evoluzione rispetto al passato e con alcuni fattori fondamentali. Bisogna Creare Valore e chiedersi ogni giorno in che modo si possa offrire un servizio migliore alla società e soprattutto come differenziarsi in questo mercato in costante evoluzione. Le imprese e i professionisti oggi vengono valutati sul mercato con criteri di performance reale, lontani dai valori di fantasia che hanno caratterizzato anni precedenti.

  • Quanto le tue qualità empatiche e comunicative incidono sul tuo successo personale ed imprenditoriale?

Perseguire i propri obiettivi e crederci sempre, sono due elementi fondamentali per realizzare i propri sogni ed avere successo nella Vita. Il successo è un processo di crescita intellettuale, spirituale e fisica, che deve essere coltivato e curato come la più delicata delle piante. Tra tutte le strategie, i segreti, le rivelazioni e le tecniche più o meno valide che ho studiato, una in particolare mi ha fatto vibrare le corde dell’anima. Questa frase dice sostanzialmente che, “In qualsiasi momento tu decida di cambiare la tua Vita in meglio, dovunque ti trovi e qualsiasi impresa tu decida di compiere, devi avere una sola ed unica attitudine: una fede incrollabile”.

  • Oramai rappresenti una realtà italiana importante nel campo del credito. Come è stato possibile raggiungere un risultato così importante in pochi anni?

Se lo scopo di una qualunque iniziativa è solo il profitto, quell’iniziativa non darà mai soddisfazione, felicità e successo duraturi. Io corro dei rischi, ma sono sempre rischi calcolati. Valuto sempre le possibili conseguenze negative di ogni scelta. Ho sempre sostenuto che non occorrono ricerche costose, né faldoni e relazioni imponenti per capire se un’idea è valida e può avere successo; ciò che serve sono soprattutto buonsenso e immaginazione. Non mi piace lamentarmi e non ho mai pianto sul latte versato, cerco piuttosto di andare avanti e di cavarmela comunque. Cerco sempre di tenere fede alla mia parola.

Perseguire i propri obiettivi e crederci sempre sono due elementi fondamentali per realizzare i propri sogni e avere successo nella Vita. Nel business non ci sono regole da seguire, mi limito a lavorare con il massimo impegno e, come ho sempre fatto, continuo a credere in me stesso e a non interrompere il mio percorso di crescita personale. Soprattutto, però, cerco di divertirmi. Sono profondamente convinto del fatto che il lavoro debba essere stemperato dal divertimento. Con ciò intendo che bisogna dedicare anche tempo a sè stessi, evitando di lasciarsi sopraffare dagli impegni, dalle preoccupazioni e dallo stress. Saper ridere, amare e riconoscere il valore altrui: questi sono aspetti imprescindibili della vita. Non ho mai intrapreso i miei obiettivi per arricchirmi ma ho scoperto che, se mi diverto e provo piacere in quello che faccio, il denaro arriva.

  • Perché, ai fini della buona riuscita del tuo progetto, ritieni sia fondamentale circondarti di risorse umane che siano in grado di fare la differenza sotto l’aspetto operativo e comunicativo?

Non c’è alcun dubbio: avere un buon Team è un fattore di fondamentale importanza per un’impresa di successo. Ho dedicato la massima attenzione a questo compito. Gli obiettivi e i progetti, senza uno staff esperto e motivato, restano solo un bel sogno nel cassetto. Un buon team deve essere versatile, composto da un ventaglio di professionisti esperti nei vari ambiti di gestione, ma soprattutto avere un pieno commitment con la filosofia aziendale.

  • Quali consigli e indicazioni dai ai giovani che si apprestano ad affrontare il mercato del lavoro?

Consiglio sempre di impegnarsi costantemente, di rischiare e non smettere mai di rincorrere i propri sogni, ma soprattutto scoprite le vostre vere motivazioni, le vostre passioni, le vostre aspirazioni. Impegnatevi per fare della vostra vita la più grande opera d’arte.

Riproduzione Riservata PLTV – Fonte: a cura di PrestitoSì