evento-uliasIl mondo assicurativo è pronto a voltare pagina e a creare una figura professionale adeguata ai tempi, grazie alla riunione, nell’ente bilaterale EBIASS, di  Ulias, Fesica, Confsal e Fisals.

Queste realtà riunite presentano il primo CCNL (Contratto collettivo nazionale del lavoro) per i dipendenti degli intermediari assicurativi a tutti gli iscritti nella sezione “E” di Catania e provincia. Il 30 settembre alle ore 15 all’hotel Nettuno sarà illustrato in prima battuta il progetto che rivoluzionerà il settore dell’intermediazione assicurativa.

sebastiano-spada-ulias“Il settore dell’intermediazione assicurativa è caratterizzato da una diffusa presenza di imprese di piccola dimensione – spiega Sebastiano Spada (nella foto), presidente di Ulias – inserite nel contesto economico Italiano ed Europeo che da anni non riesce ad uscire dallo stato di crisi congiunturale in cui ancora oggi ci troviamo. Con queste premesse ULIAS, in rappresentanza degli Intermediari Assicurativi di Sez. E, ha voluto fortemente un Nuovo Contratto di Lavoro per i Dipendenti che possa fornire sostenibilità al Sistema tutto in un’ottica di professionalità e di centralità del nostro ruolo nel rapporto di fiducia con i clienti/consumatori. Per far ciò è necessaria una ‘vision condivisa’ tra il datore di lavoro, intermediario assicurativo, ed i propri dipendenti nel voler trovare i giusti mezzi per affrontare insieme e superare l’attuale difficile momento economico. Questo contratto, quindi, diventa anche uno strumento capace di fornire alle parti sociali il complesso di norme necessarie sia all’elaborazione di soluzioni in ambito contrattuale sia all’acquisizione di eventuali ammortizzatori sociali, sperimentando anche percorsi negoziali adeguati al caso”.

Il nuovo CCNL, infatti, rappresenta un punto di svolta nel settore assicurativo, tutelando gli interessi dei sub-agenti assicurativi e di tutti quei professionisti iscritti al registro IVASS degli intermediari assicurativi di sezione “E”.

Il settore assicurativo è in fase di evoluzione – continua Spada – sia per il cambiamento del mercato e delle esigenze dei clienti, sia per i rischi e le opportunità che porterà ‘Internet of Things’ in questo settore. Sarà fondamentale che gli intermediari assicurativi di sezione E capiscano che nei prossimi cinque anni la professionalità e le competenze, oltre l’aggiornamento continuo dei propri dipendenti e collaboratori, saranno fondamentali per offrire un servizio qualificato all’altezza delle esigenze e delle richieste dei clienti. Questi punti sono tra i presupposti fondanti del nuovo Contratto di Lavoro”.

Gli intermediari assicurativi di sez. E hanno un grande valore nella raccolta assicurativa.

“I Sub Agenti e tutte le altre figure professionali facenti parte degli Intermediari Assicurativi iscritti alla Sez. E de RUI presso l’IVASS che ULIAS rappresenta sono in crescita ed attualmente hanno raggiunto il numero di circa 190.000. Hanno un ruolo, senza alcun dubbio, importantissimo nella raccolta premi e fondamentale per il futuro del Settore, cosa per cui con la sottoscrizione del nuovo contratto di lavoro specifico si è voluto dare un forte segnale affinchè si possa lavorare tutti per lo stesso fine: il successo professionale proprio e dei propri collaboratori per un miglioramento continuo del servizio offerto ai propri clienti”.

Riproduzione Riservata PLTV – Fonte: comunicato stampa