Marco-VecchiettiRBM Assicurazione Salute “offre” Euro 15 miliardi al Ministero della Salute per garantire la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale.

Le parole di Marco Vecchietti, amministratore delegato di RBM Assicurazione Salute, ieri sera durante la trasmissione televisiva di RAI 3 Ballarò, sono chiare: ” Il ministro nei giorni scorsi non ha usato mezzi termini e ha detto che non ci sono i fondi per finanziare il Sistema Sanitario Italiano. Il settore assicurativo ha soluzione, si chiama Secondo Pilastro Sanitario e deve essere aperto a tutti i cittadini”.

In particolare Vecchietti spiega: ”Affinché il sistema rimanga sostenibile e la qualità delle cure garantite ai cittadini non si riduca, pur a fronte dell’aumento dei costi della sanità, l’unica via di uscita è quella di diversificare le fonti di finanziamento attraverso l’intermediazione della spesa sanitaria privata da parte delle Forme Sanitarie Integrative (Polizze Salute Individuali e Fondi Sanitari). Questo permetterà di costruire, infatti, un sistema di sanità integrativa diffusa aperto a tutti i cittadini.

Oggi la sanità integrativa nei fatti, anche per motivi fiscali, è riservata solamente ai lavoratori dipendenti: si potrebbe far risparmiare a ciascun cittadino almeno il 30% dei costi che già sostiene di tasca propria per curarsi privatamente e garantire al sistema sanitario Euro 15 miliardi di risorse aggiuntive, ovvero quasi il 50% dell’attuale spesa sanitaria privata (pari a Euro 34,5 miliardi  nel 2015).

Queste risorse potrebbero essere investite anzitutto nel garantire maggiore accessibilità alle cure tagliando le liste di attesa, nel promuovere programmi di prevenzione diffusa per la popolazione, nel sostenere i costi crescenti dei nuovi farmaci innovativi e, in generale, nel ridurre il costo delle cure private (Euro 569 a testa nel 2015, con un incremento di oltre Euro 80  nell’ultimo biennio)”.

Grazie al Secondo Pilastro Sanitario il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe finalmente tornare ad essere davvero universale, fornendo una risposta anche a quegli 11 milioni di italiani che nell’ultimo anno hanno dovuto rinunciare alle cure per motivi economici. Peraltro la nostra proposta garantirebbe anche un ulteriore recupero di risorse per lo Stato, le quali potrebbero essere reinvestite, almeno in parte, nel Servizio Sanitario Nazionale, attraverso il contrasto dell’evasione fiscale. Secondo l’ultimo rapporto Censis, Ispe -Sanità e Rissc, infatti, sono quasi 10 milioni di italiani che si sono sottoposti a visite specialistiche “in nero” fenomeno che verrebbe fortemente arginato dalla necessità di produrre la fattura per richiedere il risarcimento della spesa alla Compagnia Assicurativa o al Fondo Sanitario.

E chiude: ”Crediamo che questo tema, riguardando la salute degli Italiani, dovrebbe avere la massima priorità nell’agenda dell’Esecutivo. Ora ci aspettiamo delle risposte dal Ministro della Salute e dal Governo”.