pollino_1
Enrico Pollino, director EMFgroup

L’assicurazione della Cessione del V è un mercato che cresce, ma che genera ancora insoddisfazione alle società finanziarie e alle banche.

Delle criticità del settore ne parla EMFgroup insieme ai principali assicuratori durante Leadership Forum il 17 maggio a Roma.

La cessione del V è un settore però che da sempre è stato sviluppato con molta cautela dagli assicuratori.

Ciclicamente sono entrati su questo mercato nuovi operatori e con altrettanta frequenza molte compagnie sono “fuggite” in molti casi accusando perdite di rilievo.

Ma quali sono le cause di questa volatilità nell’offerta?

Perché questo prodotto assicurativo non ha dato sino ad ora risultati soddisfacenti per le compagnie?

Per dare una risposta a questi interrogativi bisogna prima dare una dimensione a questo mercato.

Il mercato dei finanziamenti legati alla cessione del V ha superato a fine 2015 Euro 5,2 miliardi in costante crescita sin dal 2012.

I premi assicurativi sono passati da Euro 260 milioni nel 2013 a oltre Euro 380 milioni a fine 2015 con una crescita vicina al 50%.

Tuttavia oggi le finanziarie non sono totalmente soddisfatte del servizio assicurativo. Da un lato lamentano la scarsa offerta di coperture per la CQS e la CQP, ancora oggi troppo poche Compagnie operano sul mercato, con poca stabilità e poca continuità.

Di questo aspetto cruciale per lo sviluppo del mercato della Cessione del V, ne parla Enrico Pollino, director EMFgroup insieme ad alcuni fra i principali operatori del mercato, NetInsurance, Cardif, Scor, Italiana, Aviva e IBL Banca.

Per partecipare all’evento basta registrarsi sul sito www.leadershipforum.it

riproduzione riservata PLTV