Klaus-Peter RoehlerNel business Vita, in Italia, significativo è stato l’incremento del New Business Value (NBV) con una crescita del 29,4% rispetto ai primi sei mesi del 2015, nonché del New Business Margin (NBM) salito di un punto percentuale, attestandosi al 2,0%.

La raccolta premi è rallentata nel primo semestre dell’anno, in un mercato caratterizzato da forte volatilità, totalizzando Euro 5.141 milioni rispetto a Euro 7.072 milioni nell’analogo periodo del 2015.

Nel solo secondo trimestre 2016, la raccolta Vita ha raggiunto Euro 2.562 milioni.

L’utile operativo del segmento nel semestre si è attestato a Euro 158 milioni da Euro 184,6 milioni nell’analogo periodo del 2015, semestre particolarmente positivo avendo beneficiato di fattori non ripetibili. Si tratta comunque di un valore fortemente superiore a quello atteso.

Nel periodo in esame, il peso delle Unit Linked si è mantenuto su valori elevati, attestandosi al 73% del New Business, un dato che si confronta con un valore del 33% relativo al mercato delle polizze individuali al maggio 2016. In forte crescita il segmento delle polizze di puro rischio (+8,4%).

Klaus-Peter Roehler(nella foto), amministratore delegato di Allianz Italia, ha dichiarato: “Allianz Italia si è concentrata ancora una volta con successo sulla creazione di valore, in un contesto economico e competitivo particolarmente sfidante, contribuendo significativamente ai risultati del Gruppo.

Nel Vita, tutti i canali, e in particolare i Financial Advisor e la Bancassurance, hanno consentito un importante incremento del New Business Value, facendo leva sulla nostra gamma di prodotti, tra cui le Unit Linked, particolarmente apprezzati dai clienti per i benefici tangibili che offrono.

Nei Danni, abbiamo puntato sul canale Agenti, con innovativi asset digitali a loro disposizione per soddisfare sempre meglio le esigenze dei clienti.

Allianz Italia può contare sia sulla sua strategia digitale, sia sulla elevata professionalità e capacità consulenziale delle reti, oltre che su una solvibilità di elevato livello, che ha dimostrato un’ottima resilienza anche alla luce del voto pro-Brexit, segno che la compagnia ha beneficiato di un’efficiente preparazione al risultato del referendum britannico.”

Riproduzione Riservata PLTV