La nuova disposizione in termini di minori incentivi fiscali per i prodotti protection non deve demoralizzare né gli agenti di assicurazione né i consulenti creditizi nella trattativa di vendita al cliente (né ovviamente le banche!).

E’ vero che le nuove disposizioni fiscali hanno compromesso una delle più usate motivazioni alla vendita, ovvero il beneficio fiscale, ma è anche vero che tutti coloro che vogliono essere dei “buoni consulenti “ per il cliente non possono non proporre soluzioni protection ai loro clienti sia che comprino da loro o una polizza auto o un mutuo.

Quali Novità nella Regolamentazione Fiscale per i prodotti Protection?

Il decreto legge 31 agosto 2013, n. 102 recante «Disposizioni urgenti in materia di Imu, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonché di Cig e di trattamenti pensionistici», ha tra le “vittime” sacrificate a pagare il conto della “cancellazione” dell’Imu per la prima casa, le polizze protection, in particolare vita e infortuni stipulate dopo il 2000.

Quale impatto sui benefici attuali fiscali sulle polizze protection?

Il tetto massimo di detraibilità scenderà dagli attuali Euro 1.291,14 a Euro 630 per il 2013; dal 2014 scenderà a Euro 230.

In ogni caso, agenti di assicurazione e consulenti creditizi hanno bisogno di parlare di protection ai loro clienti, per dare più valore al loro lavoro e dare più valore ai loro clienti.

Ad esempio il consulente creditizio non deve essere solo in grado di dare al suo cliente il supporto per acquistare “la casa dei suoi sogni”, ma deve anche metterlo in grado di proteggere la “casa dei suoi sogni” da eventi negativi che potrebbero capitare.

Non basta dire al cliente che il suo mutuo è coperto da assicurazione, i clienti oggi hanno bisogno di qualcosa in più. Hanno bisogno di coperture assicurative più ricche di garanzie e flessibili, oltre alle polizze creditor protection.

Ad esempio, in UK coloro che posseggono mutui e multi rischi abitazione rappresentano circa il 75%, mentre i mutuatari che hanno anche sottoscritto una polizza protection non raggiungono il 35%.

Anche in Italia c’è una grande differenza di penetrazione fra coloro che posseggono mutui e polizze multi rischi abitazione e fra coloro che hanno mutui, polizze multi rischi abitazione e polizze di protezione per la loro persona.
Il business protection rappresenta la nuova frontiera per consulenti creditizi e agenti di assicurazione, l’opportunità per dare ai propri cliente un servizio utile e di valore per proteggere quello che hanno.