Nell’ambito delle verifiche di trasparenza sulle polizze CPI sono stati esaminati i fascicoli informativi di 44 prodotti collegati a mutui o finanziamenti, commercializzati da 42 imprese, rappresentativi rispettivamente del 57% e dell’81% del mercato.

L’analisi ha posto in luce molteplici criticità con riguardo al design delle polizze, costruite in modo da risultare spesso inadeguate per gli assicurati e caratterizzate da esclusioni, limitazioni e carenze tali da ridurre significativamente la portata delle garanzie.

Tali criticità si sono aggiunte a quelle già rilevate, sulla base dei reclami e delle segnalazioni delle associazioni dei consumatori, per le pratiche di vendita di tali prodotti, risultate spesso contrarie alle regole di correttezza e trasparenza.

L’IVASS è intervenuto sulle imprese per i singoli casi segnalati ed ha svolto accertamenti ispettivi presso alcune compagnie di assicurazione e sportelli bancari che hanno confermato le criticità emerse, comportando l’adozione di misure correttive e sanzionatorie.

Inoltre IVASS e Banca d’Italia hanno approfondito congiuntamente le complessive criticità del settore, lato produzione e lato distribuzione, e lo scorso 5 giugno hanno anticipato, in un incontro con rappresentanti dei consumatori, delle imprese e degli intermediari assicurativi, delle banche e delle società finanziarie le possibili linee d’azione che saranno oggetto di un intervento di vigilanza sul mercato.

fonte: Relazione Annuale IVASS 2014