Questi sono i messaggi chiave dell’indagine su INTERMEDIARI ASSICURATIVI e FONDI SANITARI DOVE SONO I PROBLEMI e DOVE SONO LE OPPORTUNITA’ condotta da EMFgroup in collaborazione con Intermedia Channel e presentata ieri all’Health Insurance Summit 2013.

I risultati dell’indagine on-line a cui hanno partecipato oltre 100 intermediari assicurativi evidenziano chiaramente i principali problemi fra intermediari e fondi sanitari quali la scarsa conoscenza dei prodotti da parte di intermediari e clienti, l’insicurezza su come sviluppare una proposition di offerta per il cliente ed infine l’indisponibilità dei prodotti da parte delle compagnie e le poche azioni di education sui clienti.

Il risultato è che oggi il mercato non sta esprimendo la sua potenzialità; quasi la totalità degli intermediari non conosce questo business e ritengono strategica l’attività di comunicazione e di education sui potenziali clienti per creare il bisogno.

Molto interessante è scoprire il perché della scarsa offerta di Fondi Sanitari da parte degli intermediari:

  • 48% sostiene che l’offerta non è attrattiva per il cliente
  • 36% li giudicano non di facile vendibilità
  • 16% dichiara che le provvigioni sono basse.

D’altro canto i clienti non acquistano i Fondi Sanitari poiché la metà di essi non li conosce; altre importanti motivazioni sono la scarsa promozione da parte delle compagnie e, in misura minoritaria, il pensiero che non esista il bisogno di tali Fondi poiché la sanità pubblica funziona.

L’indagine inoltre fornisce alcune indicazioni sull’outlook del mercato che pare più che positivo con una quota maggioritaria di agenti che ritiene che il mercato si svilupperà in modo consistente nei prossimi due anni e che si dimostrano possibilisti sul loro impegno nel vendere tali fondi. Solo pochissimi sono invece freddi sullo sviluppo del settore.