Il viaggio dell’innovazione chiamato Generali Italia è a metà del suo percorso e punta forte sulla distribuzione agenziale. E’ questo il messaggio chiaro e trasparente che l’a.d. della newco Philippe Donnet e il group ceo di Assicurazioni Generali Mario Greco hanno lanciato in occasione della 5° Convention del Gruppo Agenti Generali, che si è tenuto martedì 21 ottobre a Milano presso l’hotel Principe di Savoia.

La convention dal titolo “Mercato Assicurativo. Essere leader – il sistema agenti al centro della crescita di Generali Italia” ha visto la partecipazione di illustri relatori che si sono susseguiti sul palco e che hanno lanciato dei messaggi sull’importanza di vivere il cambiamento attuale come un’opportunità di crescita e di servire al meglio il cliente.

foto_header_gaa_


Dopo la relazione introduttiva del presidente del GAA Vincenzo Cirasola,, che sabato scorso ha ricevuto l’ennesimo unanime consenso dal proprio Consiglio Direttivo per aver concluso un nuovo “storico” accordo integrativo, l’attenzione si è concentrata sul discorso che Mario Greco, prima e Philippe Donnet, poi hanno rivolto agli agenti.

Per entrambi è stato il primo incontro ufficiale con la platea degli agenti del gruppo, per questo i due manager si sono concentrati nell’illustrare le potenzialità e le opportunità che Generali Italia rappresenta per ciascun agente. Mario Greco ha dichiarato che la compagnia “non ha nessuna intenzione di non supportare le reti agenziali, che sono il punto di forza di questo gruppo, ma che intende rafforzarle con nuovi prodotti e servizi” e ha annunciato la realizzazione di una nuova partnership che sarà resa nota a breve proprio per questo aspetto.

Inoltre il group ceo si è detto contento e sorpreso dei risultati raggiunti da Generali Italia e ha ringraziato sia il management team, sia i presidenti dei gruppi agenti per aver sostenuto e supportato l’attività di integrazione sia nella fase iniziale del processo, sia nello sviluppo successivo. “Contate su di noi, sul supporto della compagnia. Si tratta di un progetto importante e difficile, ma è una storia di successo, capisco le difficoltà ma non si poteva fare di meglio”.

Insomma Generali Italia punta ad essere la prima e lo vuole essere assieme ai suoi agenti. Gli fa da eco Philippe Donnet il quale entra nel dettaglio del progetto spiegando come il viaggio dell’innovazione sia già partito grazie ai tablet, scatola nera &co tutti strumenti atti proporre al cliente il miglior servizio possibile. Anche l’a.d. riconosce che ci sono state delle difficoltà dovuto soprattutto alla fretta di integrazione, ma sottolinea come entro la fine del 2015 il processo di integrazione sarà completato per il 90% e tutte le energie degli agenti potranno essere dirottate verso le priorità commerciali. E non verso le disfunzioni tecnologiche come accade oggi.

“Sono onorato della presenza alla nostra 5° Convention del management team di Generali Italia e della presenza di Mario Greco e Philippe Donnet. La loro vicinanza, così come il messaggio da loro lanciato alla platea è un segno tangibile che il ruolo dell’agente di assicurazione non è destinato a scomparire” dichiara Vincenzo Cirasola, presidente GAA Generali. “Anzi abbiamo un compito importante, ossia quello di valorizzarlo al meglio questo ruolo, in modo che anche le nuove generazioni si avvicinino a questo professione e che la facciano vivere e brillare. Non possiamo non mostrarci disponibili al cambiamento, alla tecnologia e non possiamo avere paura del futuro. Il mercato italiano ci sta offrendo delle opportunità interessanti, dobbiamo coglierle. E sapere di avere alle spalle un gruppo che vuole essere leader in tale mercato non può che essere per noi un ulteriore stimolo”.