Credito Valtellinese, Cassa di Risparmio di Asti e Bonino 1934 s.r.l. in questi giorni hanno sottoscritto un Termsheet avente ad oggetto i termini e le condizioni essenziali che disciplineranno:

(i) l’acquisto da parte di Creval di una partecipazione del 9,9% del capitale sociale di Pitagora S.p.A.; con la contestuale stipula di patti parasociali che prevedranno tra l’altro la rappresentanza di Creval nell’ambito del Consiglio di Amministrazione di Pitagora, nonché (ii) la revisione e il rinnovo per cinque anni dell’accordo commerciale in essere tra Pitagora e Creval per la promozione di contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio, con importanti obiettivi di erogato sulla rete Creval.

“L’operazione di acquisto di una partecipazione da parte di Creval nel capitale sociale di Pitagora e di rinnovo dell’Accordo Commerciale– annuncia l’amministratore delegato di Pitagora, Massimo Sanson,rappresenta un’importante opportunità per lo sviluppo dimensionale della nostra Società, rafforzando ulteriormente la propria presenza nel canale bancario,  grazie alle oltre 300 filiali dell’Istituto Valtellinese,  in una prospettiva di progetto industriale di lungo termine, che mantiene inalterato il modello di business e la volontà di proseguire nel nostro percorso di valorizzazione”.

L’acquisto della Partecipazione e la sottoscrizione dell’Accordo Commerciale rappresentano nel suo complesso un’opportunità importante per Creval al fine di aumentare l’esposizione al mercato della CQS, mercato in crescita e che potrebbe beneficiare, in prospettiva, anche di una significativa revisione, in senso favorevole, dei livelli di assorbimento di capitale. L’aumento dell’esposizione di Creval avverrà attraverso: (i) l’assunzione di una partecipazione nel capitale sociale di un primario operatore del settore, con il conseguente ritorno atteso anche alla luce del piano industriale di Pitagora; (ii) l’aumento previsto dell’erogato CQS attraverso le filiali Creval, grazie anche al supporto commerciale fornito da Pitagora e (iii) la concessione di linee di funding che potranno essere concesse a Pitagora, contribuendo al recupero di margine di interesse a valle del percorso di derisking effettuato da Creval.

Per Creval, l’Operazione si inserisce pertanto nel contesto del progressivo potenziamento e ampliamento dell’offerta dedicata alla clientela retail e – in linea con quanto previsto nell’ambito del Piano Strategico 2018-2020 – potrà consentire un aumento della redditività complessiva, da realizzarsi in particolare attraverso lo sviluppo della penetrazione di Creval nel mercato del credito al consumo e il conseguente aumento della capacità di generazione di commissioni.