La qualità del credito, definita a norma delle Istruzioni di Vigilanza, è costantemente monitorata in MPS sia da funzioni centrali che periferiche.

Recentemente è stato introdotto un monitoraggio più puntuale e sono state avviate le seguenti nuove iniziative:

1) sono stati introdotti a livello di Aree Territoriali nuovi presidi deliberativi ricoperti da nuove figure di “Deliberanti Addetti”;

2) è stato introdotto, nel processo di erogazione del credito, il controllo automatico di coerenza dell’operazione in proposta rispetto agli indirizzi di politica creditizia;

3) è stato potenziato/migliorato il processo di Monitoraggio del Credito che era stato originariamente introdotto nell’esercizio 2012 allargando il perimetro delle posizioni assoggettabili a gestione industrializzata tramite recupero ed accorciando il tempo massimo di “tolleranza” degli arretrati su mutui;

4) è stata revisionata la metodologia di valutazione per la clientela del segmento “Retail”, passando da un sistema di valutazione basato su indicatori tradizionali (rata/reddito, LTV, durata) analizzati su “step di analisi” degli indicatori di rischio (rischio operazione e rischio cliente) ad un concetto di “score integrato”, che introduce il concetto di sostenibilità effettiva della richiesta.