grafico

Gli ultimi dati disponibili sull’immobiliare mondiale non evidenziano situazioni di particolare criticità sistemica nel settore. Fenomeni di surriscaldamento dei prezzi sembrano circoscritti ad aree geografiche limitate e nella maggior parte dei casi alle cosiddette “megalopoli”.

Tra i principali mercati al mondo quello statunitense a febbraio ha registato la 47esima variazione annuale positiva dei prezzi; anche in Cina da ottobre 2015 i prezzi hanno ricominciato a crescere.

In Italia la flessione dei prezzi delle abitazioni ha rallentato e nel 2015 per il secondo anno consecutivo le compravendite residenziali risultano in aumento: +6,5% a/a, la crescita maggiore dal 2004. L’andamento positivo ha riguardato tutte le aree del paese.

Per consultare tutta la rivista cliccare qui