II ricavi per il semestre chiuso al 30 giugno 2018 del Gruppo MutuiOnLine sono pari ad Euro 85,4 milioni, in crescita dell’8,6% rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente. La crescita dei ricavi riguarda sia la Divisione Broking, che registra nel primo semestre un incremento dei ricavi del 9,0%, passando da Euro 34,1 milioni nel primo semestre 2017 ad Euro 37,2 milioni nel primo semestre 2018, sia la Divisione BPO, che registra un incremento dell’8,2% dei ricavi, passando da Euro 44,6 milioni nel primo semestre 2017 ad Euro 48,2 milioni nel primo semestre 2018.

Il risultato operativo registra una crescita del 13,4% nel semestre chiuso al 30 giugno 2018, rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente, passando da Euro 20,4 milioni nel primo semestre 2017 ad Euro 23,2 milioni nel primo semestre 2018. Il margine operativo per il semestre chiuso al 30 giugno 2018 è pari al 27,1% dei ricavi, in crescita rispetto al margine operativo dell’esercizio precedente, pari al 26,0% dei ricavi. Tale risultato è da attribuirsi alla crescita del margine operativo registrato nel semestre dalla Divisione Broking, passato dal 25,7% del primo semestre 2017 al 32,6% del primo semestre 2018, in parte compensata dal calo del margine operativo della Divisione BPO, passato dal 26,2% del primo semestre 2017 al 22,9% del primo semestre 2018.

Il risultato netto registra una crescita del 19,0% nel semestre chiuso al 30 giugno 2018, passando da Euro 13,9 milioni nel primo semestre 2017 ad Euro 16,6 milioni nel primo semestre 2018, anche grazie al favorevole impatto del regime di tassazione agevolata del “Patent Box”.

Divisione BPO: Osservazioni sull’andamento della gestione ed evoluzione prevedibile

Il fatturato della Divisione BPO è in leggera crescita nel primo semestre dell’anno, mentre lamarginalità operativa si riduce, pur rimando vicino agli obiettivi di lungo periodo.

La crescita del volume di affari è però dovuta unicamente all’acquisizione di Agenzia Italia S.p.A., mentre a perimetro costante, come atteso e annunciato dal management, la Divisione avrebbe mostrato una contrazione, legata alla riduzione delle surroghe, che impatta la linea di business BPO Mutui, ed in particolare le attività para-notarili, il cui peggioramento è stato marcato soprattutto nel secondo trimestre.

La seconda parte dell’anno mostrerà una stabilizzazione della parte tradizionale del business, e il pieno impatto del consolidamento di Agenzia Italia.

Il management rimane positivo sulla prospettive di medio termine della Divisione, anche grazie a due nuovi contratti firmati in ambito mutui e in ambito cessione del quinto, i cui impatti saranno comunque visibili nel 2019.

Da segnalare l’interessante opportunità di crescita legata alla conclusione di un accordo per i servizi di origination con il Gruppo Bancario Mediolanum, di recente affacciatosi nel mondo dei prestiti garantiti con l’acquisizione di EuroCQS S.p.A, e che mira a diventare uno dei leader del settore. Il contratto rappresenta anche la prima collaborazione significativa della nostra Divisione con il Gruppo Mediolanum, realtà bancaria particolarmente innovativa. Anche in questo caso, ci si attende che gli impatti dei volumi addizionali saranno visibili a partire dal prossimo anno.

Divisione Broking: osservazioni sull’andamento della gestione ed evoluzione prevedibile

Nel semestre chiuso al 30 giugno 2018, la Divisione Broking registra una buona crescita dei ricavi ed un forte miglioramento del risultato operativo, la cui crescita è attribuibile in primo luogo all’eccellente andamento del Broking Mutui. Nel contesto di un andamento generalmente positivo, si evidenzia tuttavia una contrazione della Comparazione Prezzi E-commerce.

Per la restante parte dell’esercizio, in assenza di particolari discontinuità, è prevedibile una prosecuzione delle tendenze in atto, secondo quanto indicato nel seguito.

Broking Mutui

Nel primo semestre del 2018, l’attività del Broking Mutui, dopo un calo iniziale del business nei primissimi mesi dell’anno, ha visto una progressiva forte accelerazione, con un importante aumento sia delle richieste in ingresso che dei mutui intermediati. La crescita, che implica verosimilmente anche un aumento della quota di mercato, è attribuibile sia ai mutui di acquisto che alle surroghe, tuttavia con un calo del peso relativo di queste ultime sui volumi intermediati totali nel primo semestre del 2018 rispetto all’esercizio 2017.

Tale dinamica è tuttora in atto ed è prevedibile una crescita significativa dei volumi intermediati anche nella seconda metà dell’esercizio.

Broking Prestiti

L’annunciata ottimizzazione della spesa di marketing online ha condotto, in un confronto anno su anno, ad un calo dei volumi di prestiti intermediati e dei relativi ricavi, accompagnato da un aumento del margine operativo della linea di business. Sono inoltre in corso diverse iniziative volte a migliorare la gamma prodotti del Broking Prestiti, ai fini di aumentare ulteriormente la completezza el’attrattività dell’offerta per i consumatori.

Per la restante parte dell’esercizio è prevedibile una continuazione dei trend del primo semestre, cui potrà seguire una ripresa della crescita in conseguenza dell’espansione del mercato e delle nuove iniziative avviate.

Broking Assicurazioni

Il primo semestre del 2018 è stato caratterizzato da una moderata crescita dei volumi di polizze intermediate, così come dei ricavi commissionali, con una progressiva accelerazione dell’attività a partire dal secondo trimestre.

L’attuale aspettativa, anche sulla base dei volumi di attività osservati negli ultimi mesi, è di un’accelerazione della crescita, potenzialmente legata ad un inizio di inversione del ciclo assicurativo.

estratto da Relazione Semestrale