Mediobanca ha approvato i risultati al 30 giugno 2015 da cui emerge che:

Compass ha chiuso il suo bilancio al 30 giugno realizzando una crescita di impieghi e margini, migliorando la qualità dell’attivo e ottenendo un risultato netto quasi raddoppiato a €94 mln (era stato pari a Euro 48,4 mln a fine giugno 2014).

Gli 8 Obiettivi per i prossimi 12 mesi

  1. Impieghi: obiettivi del Piano 2014/2016 già̀ raggiunti;
  2. Più focus sui margini che sulla quota di mercato: rallentamento nella nuova produzione per non subire la pressione del QE;
  3. Costo del rischio ancora in diminuzione, grazie agli standard qualitativi nella nuova produzione;
  4. Miglioramento della rete proprietaria investendo in sviluppo e digitalizzazione;
  5. Ulteriore sviluppo degli accordi distributivi;
  6. Miglior rendimento netto grazie a minor costo del funding/rischio;
  7. Ricerca di ulteriori sinergie con società del gruppo;
  8. Consolidamento della redditività (elevata) e conferma di elemento propulsivo del margine di interesse.

Cosa è stato fatto da Compass negli ultimi due anni…

  • Raggiunta la leadership: nel 2014 Compass 1a nel mercato italiano del credito al consumo con una quota di mercato del 12,3%;
  • Migliorato il rendimento netto degli impieghi grazie all’abilità di pricing anche in cicli di debolezza economica;
  • Realizzata la più grande rete “virtuale” di filiali di banche convenzionate (da 5mila a 7mila filiali);
  • Incrementata la base clienti (a 2,3mln);
  • Efficienza salvaguardata;
  • Realizzate le prima sinergie di costo con CheBanca!;
  • ROAC  (return on allocated capital) pari al 14%;
  • Tra i pochi operatori italiani che ripagano il costo del capital;

 fonte: investor relations Mediobanca