“L’ultimo trimestre del 2018 ha segnato un lieve incremento delle richieste di credito da parte delle imprese, dopo due trimestri ‘freddi’, portando l’anno nel suo complesso a chiudere con una performance positiva – spiega Simone Capecchi, executive director di CRIF-. Gli ultimi dati macro-economici rendono incerte le stime di crescita relative al PIL anche per il 2019, ciò nonostante la dinamica in diminuzione dei tassi di default delle PMI ci fa essere ottimisti relativamente ad un ulteriore consolidamento delle richieste di credito da parte delle imprese nell’anno appena iniziato”.

L’ultimo trimestre del 2018 ha fatto registrare un incremento del +4,1% del numero di richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti presentate dalle imprese italiane agli istituti di credito, nell’aggregato di Imprese individuali e Società di capitali, dopo due trimestri caratterizzati da un segno negativo.

Il dato degli ultimi 3 mesi dell’anno contribuisce a mantenere in territorio positivo la performance a livello di intero anno, che mostra una crescita pari a +0,9% rispetto al 2017.

Queste quanto emerge dalle elaborazioni effettuate da CRIF sulla base del patrimonio informativo di EURISC – il Sistema di Informazioni Creditizie che raccoglie i dati relativi a oltre 85 milioni di posizioni creditizie, di cui oltre 9 milioni riconducibili a imprese.

Entrando maggiormente nel dettaglio, l’analisi condotta da CRIF consente di distinguere l’andamento del numero di richieste da parte di società di capitali e di imprese individuali. Queste ultime nel 2018 mostrano una contrazione del -1,0% a differenza delle Società di capitali che hanno fatto registrare un aumento (+2,2%). Nel solo IVtrimestre si rileva un incremento delle richieste da parte delle società di capitali pari a +6,0% mentre le imprese individuali registrano una diminuzione pari a -1,2%.

Entrando maggiormente nel dettaglio, si osserva come le società di capitaliabbiano fatto registrare un importo medio pari a 93.004 Euro (-6,9% rispetto al 2017)contro i  30.949 Eurodelle imprese individuali(-6,2%).

LA DISTRIBUZIONE PER CLASSI DI IMPORTO

Relativamente alla distribuzione per classi di importo, nel 2018 quasi un terzo delle richieste totali (il 32,6%, per la precisione) ha riguardato importi inferiori ai 5.000 Euro, con una incidenza in crescita di +0,9 punti percentuali rispetto al 2017, giustificata dal peso numericamente preponderante delle richieste da parte delle imprese di piccola e piccolissima dimensione.

Aumenta anche il peso delle richieste relative alla classe di importo compreso tra i 5.001 e 10.000 Euro e a quella tra i 20.001 e 50.000 Euro, che spiegano rispettivamente il 9,9% e il 21,2% del totale. In calo, invece, le richieste di importo maggiore ai 50.000 Euro (-1,0 punti percentuali).