Nazzareno Gregori, direttore generale di Credem ha dichiarato: “Il 2018 è stato un anno ricco di soddisfazioni con risultati di altissimo livello, ottenuto grazie all’impegno di tutte le persone che lavorano nel Gruppo e nonostante le turbolenze dei mercati e la maggior debolezza dell’economia. Abbiamo continuato ad acquisire nuova clientela, con un trend di crescita ormai consolidato, che testimonia sempre più l’elevato livello di servizio offerto e la bontà degli investimenti sulle persone e sui prodotti. Registriamo inoltre, attraverso una periodica indagine di mercato, che oltre il 96% dei clienti apprezza il livello di servizio e la qualità della relazione che siamo riusciti a creare nel tempo e questo risultato ci riempie di orgoglio. Le scelte strategiche di business che abbiamo seguito ci hanno consentito, anche grazie alle importanti sinergie tra tutte le nostre reti, di crescere in modo sano e sostenibile, garantendo agli azionisti una solida redditività in progressiva crescita, preservando una qualità dell’attivo ai vertici del settore bancario, come ci viene riconosciuto anche dalla BCE, e rafforzando l’offerta alla nostra clientela, anche in ambito assicurativo, per rispondere a tutti i loro bisogni. Per il 2019 continueremo con decisione il percorso di crescita di questi anni, puntando in particolare sui prestiti ad imprese e famiglie, sul wealth management, sui prodotti assicurativi e sul miglioramento costante del livello di servizio e di soddisfazione della clientela. Il 2019 sarà ricco di sfide importanti per il sistema bancario e per tutto il Paese e riteniamo di essere nelle migliori condizioni per affrontarlo continuando a garantire, verso tutti i portatori di interesse,l’eccellenza che da sempre ci contraddistingue”.

  • Utile netto consolidato a 205 milioni di euro (+2,6% a/a) senza la contribuzione ai fondi di risoluzione e di tutela dei depositi. Anche considerando tali contributi l’utile netto si conferma in crescita anno su anno (+0,1%) a 186,7 milioni di euro, il miglior risultato degli ultimi 10 anni.
  • Ricavi ai valori più elevati degli ultimi 10 anni a 1.157,4 milioni di euro, in crescita dello 0,8%, nonostante le tensioni sui mercati finanziari ed il debole contesto economico.Oltre 102 mila nuovi clienti (2); soddisfazione della clientela ai massimi livelli al 96% secondo una periodica indagine di mercato.
  • Gli impieghi toccano un nuovo massimo a 25,5 miliardi, con una crescita superiore al 3% a/a (+800 milioni di produzione), pienamente in linea con gli obiettivi nonostante un contesto competitivo più difficile del previsto.  Lo sviluppo rimane più accentuato sugli aggregati «Altri Mutui» (+10,5% a/a) e «Leasing» (+6,8% a/a), mentre i «Mutui residenziali» restano flat.