In queste settimane, il processo di sviluppo avviato da tempo in seno a Confidare, il Confidi con salde radici in Piemonte ed attivo anche in Lombardia, in Liguria, nel Lazio ed ora anche in Campania, trova nuovi e positivi riscontri. Le garanzie, eligibili ed a prima richiesta, rilasciate a favore delle micro, piccole e medie imprese Socie alle oltre 40 banche (e/o gruppi bancari) erogatrici convenzionate costituiscono — e costituiranno — il core business aziendale, ma di settimana in settimana si amplia la gamma dei prodotti/servizi a disposizione delle Imprese socie.

Il “Piccolo Credito” o “Credito Diretto”, attivo dal 2016, nel corso del corrente anno 2017, con l’erogazione di oltre Euro un milione, ha già raggiunto e superato l’obiettivo definito nel Piano Strategico. Inoltre, sono in fase di ulteriore implementazione i sistemi IT aziendali ed il Service per l’accesso e la fruizione della contro garanzia del Fondo Centrale che da settembre è pienamente operativo. Proseguono inoltre i contatti con possibili fruitori esterni di tale servizio.

Le principali novità di questo autunno in Confidare interessano più filoni operativi:

  • Il 13 ottobre u.s. sono state deliberate le prime fidejussioni dirette a favore dei Soci. Alle imprese richiedenti Confidare ora può rilasciare fidejussioni “del dare” riconducibili all’attività caratteristica dell’impresa ed accessibili alla garanzia del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI. Inoltre, vengono rilasciate anche fidejussioni non eligibili al Fondo Centrale di Garanzia, limitatamente però alle fidejussioni fiscali, ovvero fidejussioni per rimborsi IVA.
  • Si sono intensificati i rapporti con i principali istituti di credito convenzionati, che hanno dedicato al Confidi maggiori Plafond (Intesa San Paolo, MPS, ecc.) e con i quali si stanno stipulando nuovi accordi (Unicredit, Creval, ecc.) e/o ottimizzando l’attività comune (Banco BPM, ecc.).
  • Da ottobre, mentre prende avvio l’attività diretta anche nella regione Campania, è attiva la nuova convenzione a livello nazionale con EPPI (Ente Previdenza Periti Industriali e Periti Industriali laureati) che ha scelto il Confidi al fine di favorire l’accesso al credito dei propri associati.
  • Il Confidi, grazie al recente convenzionamento con il Fondo di Riassicurazione della Regione Lazio (POR FESR LAZIO 2014 – 2020 Asse 3), è oggi in grado di rilasciare garanzie alle PMI Socie di Roma e del Lazio riconoscendo loro uno sconto immediato sulle commissioni di garanzia.
  • Infine, nei giorni scorsi SIMEST  (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti) ha riconosciuto a Confidare  un Plafond pari a Euro 10 milioni per il rilascio di garanzie a fronte dei finanziamenti concessi a valere sul Fondo 394/81. Beneficiarie sono le PMI Italiane, società di capitali, che nell’ultimo triennio abbiano realizzato all’estero non meno del 35% del proprio fatturato. Il Fondo 394/81, istituito dalla Legge 133/08, con una dotazione di circa Euro 700 milioni rotativi, prevede le seguenti misure di intervento:
    1. programmi di inserimento sui mercati esteri (Extra UE);
    2. studi di fattibilità e programmi di assistenza tecnica (EXTRA UE);
    3. patrimonializzazione PMI esportatrici;
    4. partecipazione a fiere e mostre (Extra UE).

© Riproduzione Riservata PLTV