PrestiNuova, costituita in data 8 giugno 2005, ha iniziato l’operatività il 1° gennaio 2006 in seguito al conferimento del ramo d’azienda “Cessione del Quinto”  da parte della ex controllante diretta Banca Nuova.

La costituzione di PrestiNuova si deve alla volontà dell’ex Gruppo Banca Popolare di Vicenza di razionalizzare e potenziare l’attività nel comparto del credito al consumo, iniziata già alcuni anni prima, soprattutto in seguito alla convenzione, stipulata nel 2004 con durata triennale tra Banca Nuova e l’INPDAP, per la concessione di prestiti con delegazioni di pagamento per i pensionati.

Per oltre 10 anni, la compagine societaria è stata interamente costituita dalla ex Capogruppo Banca Popolare di Vicenza, poi andata nel 2017 in Liquidazione Coatta Amministrativa che deteneva il 100 % del capitale sociale.

In data 21 novembre 2017, è stato avviato il processo di vendita della società a cura della Banca Popolare di Vicenza in liquidazione coatta amministrativa, titolare della partecipazione rappresentativa del 100% del capitale sociale di Prestinuova. In data 8 marzo 2018 si è conclusa la fase di presentazione dell’offerta vincolante da parte dei bidder interessati. Ai primi di maggio Banca Popolare di Sondrio rende noto al mercato di volerla acquisire.

L’attività commerciale condotta da PrestiNuova durante il 2017 si è concretizzata in n. 2.450 nuovi finanziamenti per complessivi Euro 41,3 milioni  di nuovi impieghi.

Come si evince dal grafico, si rileva un decremento dei volumi erogati rispetto all’esercizio precedente (Euro 17,59 milioni, pari a 17,59%).

Si rileva altresì un decremento del numero di finanziamenti perfezionati rispetto all’anno precedente di 1.037 posizioni (-29,74%).

Il forte decremento delle nostre erogazioni è collegato alle vicende che hanno coinvolto la ex Capogruppo dal 25 giugno 2017.

La Società ha chiuso  l’esercizio 2017 con un utile netto di Euro 2.566 mila, in riduzione di Euro 5.327 mila rispetto all’esercizio precedente (-67,5%).

riproduzione riservata PLTV