Italcredi, società di credito al consumo con sede a Milano, specializzata nel settore dei prestiti garantiti dalla Cessione del V dello stipendio e delegazioni di pagamento, nel 2015 ha raggiunto  Euro 281 milioni (+20%) di prestiti erogati, così come si legge dal bilancio consolidato 2015 di La Cassa (Cassa Risparmio di Ravenna), che controlla il 70% di Italcredi, attraverso il veicolo Argentario SpA.

Italcredi ha operato nel 2015 con una rete territoriale composta da 3 punti distretto, compresa la sede, 3 Filiali, una unità locale e 63 Agenzie.

Nel corso dell’anno, Italcredi ha effettuato otto operazioni di cessione in blocco di crediti ex art. 58 TUB pro soluto, per importi in linea montante di Euro 175,6 milioni alla Capogruppo, di Euro 25,1 milioni alle altre banche del Gruppo e di Euro 86,8 milioni alla Banca di Piacenza. Italcredi ha chiuso l’esercizio 2015 con un utile netto superiore a Euro 4 milioni, in aumento di oltre il 90% rispetto al risultato 2014.

furlotti-meglioItalcredi ha ricevuto in data 26 aprile 2016 l’autorizzazione all’esercizio dell’attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico ex art. 106.

Il Direttore Generale di Italcredi, Arnaldo Furlotti (nella foto), ha dichiarato: “è una grande soddisfazione vedere accolta la nostra istanza per la trasformazione in nuovo intermediario finanziario, a coronamento dello sviluppo organizzativo e commerciale che ha portato Italcredi in pochi anni ad essere protagonista nel comparto della Cessione del V. L’appartenenza al Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Ravenna è stato l’indispensabile prerequisito per innescare i processi organizzativi che ci hanno portato a questo importante salto di qualità. Ora Italcredi è chiamata a rispondere a sfide ancora più impegnative a fronte di un mercato in rapida evoluzione e sempre più competitivo.”

Riproduzione riservata PLTV