capital finCap.Ital.Fin. S.p.A. si presenta in piena efficienza all’appuntamento con l’iscrizione all’albo unico della Banca d’Italia, fissato per il 12 febbraio. L’intermediario finanziario con sede a Napoli presenta la documentazione puntando sulla rafforzata solidità economica, grazie al recente aumento di capitale innalzato a € 2.425.000 (interamente versato).
Un aumento di capitale, il secondo, arrivato a seguito di un 2015 che si è chiuso in maniera brillante oltre ogni aspettativa.

“Quello che ci rende più orgogliosi – afferma il direttore commerciale Carla Caputo – è che la nostra squadra si sia mossa in una direzione unica: quando i valori aziendali, come fiducia e rispetto reciproco, sono abbracciati da tutte le figure, ecco che prendono forma operazioni che possono spaventare ma che se superate insieme diventano motivo di unione e portano a grandi risultati come questo. Questo importante traguardo è il risultato di un anno impegnativo e di grandi trasformazioni per la Cap.Ital.Fin. SpA”.

“L’aumento del Capitale Sociale – come evidenziato dalla proprietà – ha lo scopo di dotare il gruppo di mezzi patrimoniali idonei a fronteggiare lo sviluppo del business, i possibili scenari di stress, nonché l’eventuale evoluzione della disciplina prudenziale”. Il nuovo assetto societario è composto dai soci fondatori e professionisti di comprovata competenza e da rappresentanti degli Istituti Bancari, come BPMED la quale detiene una partecipazione all’interno della compagine azionaria CapItalFin SpA, incorporando come fattore comune le reciproche competenze per dare impulso ad un piano di crescita in cui innovazione, spirito di squadra e professionismo siano i valori guida.
Tale assetto ha consentito alla società di passare da un fatturato di € 60 milioni nell’anno 2014 a € 80 milioni circa nel 2015.

Da questa crescita positiva, ne deriva che l’obiettivo fissato per il 2016 è arrivare al superamento di € 110 milioni di fatturato. Per raggiungere questo risultato, la società ha incrementato esponenzialmente la produzione diretta grazie alla presenza sul territorio nazionale delle 3 unità operative (Napoli, Milano, Palermo), potenziato la rete commerciale di agenti e collaboratori, ed ampliato il numero di convenzioni con enti pubblici e privati. “Ci aspettano nuove sfide, che siamo pronti ad affrontare con nuovi prodotti e con un gruppo all’altezza degli scenari attuali del mercato”.