Nel corso dei primi 9 mesi del 2016 Conafi Prestitò (l’unica società finanziaria specializzata nella Cessione del V quotata in Borsa) ha intermediato, in termini di montante lordo, volumi pari a Euro 60,3 milioni, con una crescita del +108,7% rispetto ad analogo periodo del 2015 (Euro 28,9 milioni al 30 settembre 2015).

Il reperimento, a fine 2015, di una nuova linea di funding per cessione pro soluto, ha consentito infatti a Conafi di intraprendere un nuovo percorso di crescita nel settore della Cessione del V. Oltre alla sostenibilità̀ finanziaria si ritiene possano contribuire alla continuazione del trend positivo anche altri fattori quali, ad esempio, l’ampliamento e la fidelizzazione di una rete agenziale incisiva e capillare, la dotazione di capitale umano professionale ed efficiente, la diffusione di nuove iniziative commerciali e, infine, la stipula di importanti convenzioni a livello nazionale. Il Gruppo dispone inoltre di una rilevante dotazione patrimoniale, prevalentemente investita in attività̀ liquide o liquidabili a breve, largamente superiore ai requisiti prudenziali di vigilanza ed alle esigenze del circolante, costituendo anch’essa un’importante risorsa a supporto dei piani di crescita e sviluppo del core business.

A testimonianza del mantenimento di una buona redditività̀ sui prodotti finanziari intermediati e del netto miglioramento della gestione operativa, la Società̀ ha registrato un sostanziale incremento del Margine di Intermediazione (positivo per Euro 6,2 milioni), rispetto a quello registrato nei primi 9 mesi del 2015 (+61,7%).

La crescita ed il miglioramento reddituale sono evidenti con riferimento ai valori dei primi 9 mesi del 2016, che oltretutto sopportano il peso di alcuni costi amministrativi non ricorrenti e degli oneri connessi alla fase di sviluppo.

Il risultato netto consolidato al 30 settembre 2016 risulta però ancora negativo per Euro 1,9 milioni, a causa dei costi non ricorrenti e per effetto dei livelli ancora bassi della produzione del I trimestre.

Aggiornamento sul procedimento autorizzativo per l’iscrizione all’Albo Unico

Con riferimento al procedimento autorizzativo volto all’iscrizione di Conafi Prestitò S.p.A. all’albo unico degli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB, si segnala che lo stesso è ancora in corso.

Nell’ambito di tale procedimento la Società ha ricevuto, in data 28 settembre 2016, da parte dell’Autorità di Vigilanza, una nota contenente taluni rilievi circa la struttura proprietaria e organizzativa di Conafi.

La Società ritiene di aver fornito puntuale risposta all’Autorità di Vigilanza in data 7 ottobre 2016. Da tale ultima data decorre pertanto nuovamente il termine di 180 giorni per la conclusione del procedimento autorizzativo, come previsto dall’art. 10-bis, legge n. 241/1990.

Riproduzione Riservata PLTV – Fonte: comunicato stampa