Cessione del V – Nuovi Orientamenti di Bankitalia: Focus sulle Polizze Assicurative

CONDIVIDI

a cura di Fabio Picciolini, esperto consumerista

PLTV pubblica il 3° Focus sugli Orientamenti di Banca d’Italia recentemente resi noti al mercato sulla Cessione del V.

La scarsa consapevolezza da parte del cliente è stata riscontrata  da Banca d’Italia anche per le polizze assicurative obbligatorie, in particolare in tema di tutele.

Considerato che il finanziatore deve accettare eventuali polizze presentate dal cliente è necessario che siano indicate al cliente stesso quali devono essere le caratteristiche tecniche delle polizze per essere accettate.

Nel caso convenzionamento dell’intermediario finanziatore con una compagnia assicurativa dovrà essere valutata la solidità, l’affidabilità e la reputazione di quest’ultima e devono essere indicati in maniera chiara al cliente quali sono le coperture previste dalla polizza e come il cedente possa far valere i propri diritti.

Quando viene sottoscritta una convenzione tra il finanziatore e una compagnia di assicurazioni, il premio viene pagato dal finanziatore che deve informare il cliente dell’esistenza della polizza; cliente deve dare il consenso affinché l’intermediario finanziatore concluda il contratto.

Il cliente dovrà ricevere informazioni chiare e semplici sulle coperture assicurative e su cosa accade nel caso di verifica dell’evento per le polizze diverse dall’insolvenza per decesso del debitore: rischio credito (contratto sottoscritto dall’istituto erogatore). In questo caso è solitamente previsto il diritto di surroga della compagnia assicurativa nei confronti del debitore insolvente oppure perdite pecuniarie (contratto sottoscritto dal cliente pagando il relativo premio ed essendo il beneficiario) l’intermediario finanziatore è il vincolatario ovvero il soggetto a cui le somme sono vincolate. In questo caso non è previsto il diritto di surroga.

Buona prassi è la valutazione economica delle convenzioni da parte degli intermediari finanziatori e la condivisione delle informazioni per migliorare il livello di rischio assicurato e ridurre i costi della polizza.

Per le polizze con “rischio perdite pecuniarie” in caso di estinzione anticipata il rimborso di quanto deve essere retrocesso al cliente in quanto non goduto deve essere effettuato dall’intermediario se la polizza è collegata dallo stesso intermediario o da una compagnia assicurativa dello stesso gruppo.

Il costo delle polizze pagato dal cliente deve esser inserito nel calcolo del TAEG.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here