da Rapporto Annuale Assilea “To Lease 2019”

Negli ultimi cinque anni, secondo Assilea, l’associazione del settore presieduta da Enrico Duranti, il mercato del leasing è cresciuto ed ha visto aumentare il proprio peso sull’economia.

Nel 2018 i nuovi finanziamenti hanno sfiorato i 30 miliardi, con un’ulteriore crescita del 5,5%rispetto all’anno precedente. La dinamica positiva ha interessa- to tutti i principali comparti, con un +4,5% nell’automotive, un +5,7 nei beni strumentali, un +9,9% nel comparto immobiliare.

Il leasing è cresciuto nei diversi settori economici. Si conferma la presenza del manifatturiero, ma è cresciuto il leasing alle aziende che operano nei settori dei servizi, primo fra tutti, quello dei trasporti. Pur concentrandosi soprattutto al Nord, il leasing ha supportato per la prima volta una crescita più accelerata degli investimenti al Sud.

È proseguita la crescita del leasing e del noleggio a lungo termine, pur a fronte di una contrazione delle immatricolazioni. Nel leasing strumentale è stata positiva sia la dinamica del leasing finanziario che quella del leasing operativo, con una migliore performance degli operatori esteri, la cui quota di mercato ha superato quella degli operatori italiani.

Le PMI vedono nel leasing la formula preferita per finanziare gli investimenti di cui alla Nuova Legge Sabatini, con un’incidenza del 70% sia sulle prenotazioni 2018 che sulle prenotazioni del 2019.

Il leasing potrà continuare ad accompagnare le imprese nel processo di trasformazione in atto, verso una sempre maggiore digitalizzazione dei processi produttivi, anche attraverso il crescente ricorso al leasing per finanziare i beni di cui al Piano Industria 4.0.

Dopo un periodo di crescita, l’economica mondiale ed europea sta rallentando. L’avvio del 2019 è stato incerto e il rallentamento economico potrebbe andare a comprimere i volumi complessivi di stipulato dell’anno.

Le potenzialità di crescita e diffusione del leasing sono ancora grandi e si prevede un’ulteriore crescita del leasing operativo nei diversi comparti e settori di destinazione. Il finanziamento degli investimenti innovativi, dal comparto manifatturiero a quello dei servizi, si sta estendendo anche alla filiera dell’agroalimentare. Si tratta di un settore che mantiene alta la competitività del made in Italy e che sta vivendo un’importante fase di rinnovamento e modernizzazione. Il comparto delle energie rinnovabili e dell’efficientamento energetico si presenta come un’ulteriore fonte di crescita del leasing e del sistema Paese.