Per quanto riguarda il ramo infortuni, si osserva come la maggior parte dei premi sia costituita da polizze individuali, pari a circa il 70% nel I semestre dell’anno, che scende lievemente a circa due terzi a fine anno; conseguentemente, la quota delle polizze collettive aumenta tra il I semestre e l’intero anno (dal 32% al 35% per il 2015).

ania invaliditàIn merito alla distribuzione dei premi distinti per le principali garanzie assicurative offerte dal mercato, si osserva una qualche differenza tra le polizze individuali e quelle collettive.

Per quanto riguarda il settore delle polizze individuali (in cui si copre una sola persona o un nucleo familiare), le due garanzie assicurative per le quali (singolarmente considerate) si concentra un terzo dei premi incassati, sia a livello semestrale sia annuale, sono l’invalidità permanete totale o parziale e l’infortunio del conducente.

Nel dettaglio, per l’anno 2015 la copertura per l’invalidità permanente raccoglie il 33% dei premi, la quota più alta tra tutte le garanzie, registrando un aumento di circa un punto percentuale rispetto al 2014. La garanzia infortunio del conducente registra invece nell’anno 2015 un’incidenza pari al 31% del totale premi, stesso valore del 2014, mentre nel I semestre di entrambi gli anni la quota percentuale è leggermente più alta e si attesta al 32%.

Fonte relazione ANIA 2015-2016 | Riproduzione riservata PLTV